Il Cagliari strapazza l'Ascoli 3-0 nel posticipo
I marchigiani pagano a caro prezzo un uno-due pesantissimo dei padroni di casa poco dopo la metà del primo tempo

Netta prova di forza del Cagliari che supera 3-0 l'Ascoli tra le mura amiche nel posticipo della 14/a giornata di campionato di Serie B e mantiene la vetta della classifica con 4 punti di vantaggio sulle prime inseguitrici, il Crotone e il Bari. Per i sardi si tratta della quarta vittoria consecutiva.  I marchigiani pagano a caro prezzo un uno-due pesantissimo dei padroni di casa poco dopo la metà del primo tempo. Al 28' infatti Melchiorri di petto fa da sponda all'indietro per Giannetti che calcia appena fuori area portando in vantaggio i rossoblu con la complicità di Svedkauskas, non perfetto nell'occasione. Tre minuti dopo Joao Pedro riceve palla in profondità e viene steso in area dal portiere dell'Ascoli. Dal dischetto lo stesso Joao Pedro non sbaglia realizzando il 2-0. Nella ripresa in avvio è Giannetti a sfiorare il tris con un tiro a giro che esce di un soffio, ma alla distanza sono gli ospiti a venir fuori. Al 18' l'undici di Mangia crea una doppia grande occasione prima con Bellomo, sul cui tiro è provvidenziale la respinta di Storari, poi con Giorgi, che si fionda sulla ribattuta ma calcia altissimo un rigore in movimento. L'Ascoli non demorde ma al 30' Bellomo incontra ancora una volta sulla sua strada Storari, che gli nega la gioia del gol deviando una conclusione rasoterra velenosa. Dalla parte opposta così al 41' tocca a Joao Pedro chiudere la partita con un eurogol che manda in visibilio il pubblico del Sant'Elia. Il numero 10 del Cagliari riceve palla in corsa da Farias, con uno stop perfetto salta un uomo e dal limite dell'area trafigge Svedkauskas con un destro chirurgico.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata