Il Brasile a Torino con il 6° Festival di capoeira Senzala

Torino, 21 apr. (LaPresse) - Si apre domani a Torino il 6° Festival internazionale di capoeira Senzala, che nel 50° anniversario della fondazione del gruppo omonimo in Brasile porta in Italia maestri provenienti da tutto il mondo. E come ogni anno alla pratica dell'antica disciplina nata nel Paese sudamericano durante la schiavitù si mescolano danze tradizionali, incontri e serate di festa. La notivà di questa sesta edizione, organizzata dall'associazione torinese Camugeré guidata dal maestro Pelé di Niteroi-Rio de Janeiro, sarà la trasmissione in diretta on-line degli appuntamenti al link www.torinocapoeira.it.

La capoeira, riconosciuta come patrimonio immateriale della cultura brasiliana, agli occhi di chi non la conosce sembra una fusione di danza e arte marziale, scandita dal ritmo di strumenti musicali di antica tradizione. E lo è, in un complesso mix dove il gioco si mescola alla lotta, lo scherzo all'astuzia, l'armonia e l'eleganza alla sfida e allo scontro. Nata come lotta di liberazione degli schiavi africani in Brasile e poi dissimulata in danza per superare i divieti imposti dai coloni portoghesi, oggi è praticata in tutto il mondo. Tra gli ospiti del festival torinese ci sono maestri provenienti dal Brasile e dall'Europa, tra cui da gruppi olandesi, britannici, svizzeri, serbi e italiani.

Il programma sportivo si svolge lungo tutta la settimana tra il 22 e il 28 aprile, con appuntamenti quotidiani che trovano il loro culmine nel fine settimana. Ogni sera dal lunedì al venerdì, tra le 20 e le 22, sono previsti incontri e allenamenti con i maestri ospiti. Il sabato 27 e la domenica 28 si comincia invece la mattina, proseguendo sino alle 20 circa con lezioni di danze tradizionali brasiliane (danza degli orixas, maculelé, samba, forro) e con il cambio delle graduazioni degli allievi. Dal giovedì alla domenica, ogni sera è prevista una festa in un locale diverso da Torino, con concerti di musica tradizionale brasiliana e dj-set. Per il programma dettagliato: www.torinocapoeira.it.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata