Icardi: Inter salto di qualità per la mia carriera. La maglia numero 9? Non mi pesa

Milano, 23 gen. (LaPresse) - ""L'Inter per me significa fare un grande salto di qualità per la carriera, giocare qui mi dà tanta emozione". Parole di Mauro Icardi, protagonista della chat odierna con i tifosi nerazzurri su Twitter. "Non mi sento un predestinato, sento che faccio quello che devo fare", spiega il giocatore argentino, che nella sua 'chiacchierata' ha spaziato dal calcio alla sfera privata. "Gli obiettivi della mia vita? Fare una grande carriera nel calcio, e poi avere una famiglia e dare il meglio ai bimbi per il futuro", così il giocatore, unica punta nel 4-2-3-1 di Mancini: "Mi trovo bene, è difficile giocare avanti da solo in Serie A ma quando ci sono giocatori forti dietro è semplice".

I nuovi acquisti "Shaqiri e Podolski si sono inseriti benissimo. Il difensore più forte contro cui ho mai giocato? Juan Jesus, quando abbiamo giocato contro con la Samp". "I gol? Devo farne il più possibile, più ne faccio e più la squadra va bene", prosegue Icardi che parlando dei campioni del passato porterebbe in nerazzurro "sicuramente Ronaldinho. Il gol che più mi rimane dentro è stato il primo in Serie A, nel derby di Genova. Il primo gol con la maglia dell'Inter che preferisco? Quello alla Juventus". Poi confessa: "Mi sono sempre ispirato a Batistuta. Molti mi hanno detto che somiglio a Vieri. La maglia numero 9? Non mi pesa". L'argentino parla poi del suo connazionale Milito, grande protagonista del 'Triplete' interista: "Ha fatto una grandissima carriera, mi ha dato qualche consiglio, scherzavamo sempre in allenamento". Una battuta sul derby di Milano: "E' una partita speciale, si sente molto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata