Giro d'Italia al via, Nibali favorito: Pericoli Landa, Dumoulin e Chaves
Il ciclista ha messo gli occhi sulla cronometro di 40.5 km da Radda a Greve in Chianti su un percorso ondulato

"Ho preparato il Giro d'Italia come meglio ho potuto". Così Vincenzo Nibali in vista della partenza della 99/a edizione della Corsa Rosa dall'Olanda. Lo Squalo dello Stretto quest'anno ha vinto il Tour dell'Oman in febbraio e la tappa di apertura del Giro del Trentino il mese scorso. "Guardando indietro negli ultimi due anni, il giovane più migliorato è sicuramente Mikel Landa. Sarà uno dei miei principali rivali per questo Giro - ha aggiunto il ciclista dell'Astana - ma ci sono anche altri giovani interessanti come Tom Dumoulin (Giant-Alpecin) ed Esteban Chaves (Orica-GreenEdge)".

Guardando il percorso, Nibali ha messo gli occhi sulla cronometro di 40.5 km da Radda a Greve in Chianti su un percorso ondulato. "Il primo giorno importante sarà la cronometro nel Chianti, con parti molto veloci in discesa e cambi di ritmo in salita", ha spiegato. "Potrebbe favorire me rispetto a Landa, che è un ciclista che conosciamo molto bene e le prove contro il tempo sono da sempre un debole per lui. E' un grande scalatore e sarà l'uomo da battere in montagna", ha dichiarato ancora Nibali. "Tuttavia, non possiamo concentrarci solo su di lui quando ci sono altri ciclisti come Alejandro Valverde e Dumoulin in gara", ha concluso Nibali.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata