Gilardino: Ho scelto Fiorentina per suo bel gioco, torno come se fosse primo giorno

Firenze, 28 gen. (LaPresse) - "Tre anni fa sia io che altri giocatori avevamo finito un ciclo importante in cui avevamo dato tantissimo ed era giusto cambiare. Ora torno come se fosse il primo giorno, con grande entusiasmo ed emozione. Questo mi riempie di orgoglio e ho una grande voglia di poter affrontare questi sei mesi". Lo ha detto Alberto Gilardino nel corso della sua conferenza di presentazione come nuovo attaccante della Fiorentina. "Ritrovo una Fiorentina con grandissimi cambiamenti, anche a livello di centro sportivo che è ora di altissimo livello. Mi sento a 32 anni ancora giovane - ha aggiunto l'ex attaccante della Nazionale - e sto bene fisicamente. Ho fatto delle esperienze che mi hanno fatto crescere molto. Ho visto una Fiorentina che gioca un grande calcio e questo mi ha entusiasmato e convinto a venire qui".

- Sulla concorrenza in attacco con Mario Gomez, Gilardino ha dichiarato: "Sono contento per Mario che abbia fatto gol, è un attaccane importante e sono molto felice. Sono quattro giorni che mi alleno con i compagni. Ho bisogno di fare un lavoro con la squadra, ho voglia e mi piacerebbe ritagliarmi un bello spazio per essere determinante quando il mister mi chiamerà. E' giusto che una squadra abbia grandi giocatori in tutti i reparti, ci sarà grande disponibilità da parte mia". Su come si è arrivati al suo ritorno a Firenze, ha detto: "Ho avuto diverse proposte, ma quando è uscita la Fiorentina ho detto subito di si. Pur venendo in prestito per me è una grande sfida, ho voglia di rimettermi in gioco dopo l'esperienza in Cina. Mi sento carico e motivato. Potrebbe aprirsi una porta per il futuro, vediamo poi a giugno". Infine sull'esperienza in Cina: "E' una esperienza totalmente diversa, giocare in quelle condizioni è veramente dura. Ci sono sempre 35-36 gradi e c'è voluto un mese per abituarmi. E' andata bene, ho segnato 5-6 gol. E' stata una bella esperienza, intensa e veloce anche per la mia famiglia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata