Gb, Ascot boccia i cappelli stravaganti: il ritorno alla sobrietà si gioca a 9,00
Nuove regole per entrare nel padiglione reale dell'ippodromo di Ascot, da dove la regina Elisabetta assiste alla corsa celebre per essere uno degli appuntamenti mondani dell'anno: dal prossimo giugno, le donne che vorranno entrare dovranno indossare abiti o gonne lunghe almeno fino al ginocchio. Al bando le minigonne e soprattutto gli elaborati copricapi a cui eravamo abituati: al loro posto, le donne dovranno indossare un cappello - anche piccolo - ma "vero", con una base di almeno 10 centrimetri. "I nostri clienti desiderano tornare a una situazione in cui ci si veste in modo formale e non come se si andasse al un nightclub", ha detto il portavoce di Ascot, Nick Smith. E anche i bookie votano a favore della "censura" del look: in lavagna il ritorno alla sobrietà si gioca a 9,00, mentre la "rivoluzione del cappellino" vale 67,00 volte la posta. Ma i quotisti si spingono oltre: nella sua prossima apparizione ad Ascot, la regina Elisabetta indosserà un semplice cappellino blu (un'ipotesi che vale 4,00 volte la scommessa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata