Garcia pensa allo scudetto: Voglio che vinca il Napoli, matematica non ci condanna

Roma, 30 mar. (LaPresse) - "Questa sera voglio che vinca il Napoli, sarebbe un bene, hanno uno scarto importante, finché la matematica non ci condanna al secondo posto dobbiamo guardare allo scoperto". Il tecnico della Roma Rudi Garcia esce allo scoperto al termine della gara vinta con il Sassuolo e ammette di pensare ancora allo scudetto. "Non era facile contro una squadra che lotta per la salvezza - ha ammesso ai microfoni di Sky Sport - Il rigore non c'era, Rizzoli ha preso una buona decisione. Il secondo gol mi è piaciuto, Taddei ha fatto un bel recupero, Totti l'assist e Bastos il gol. Vuol dire che i tre giocatori che sono entrati si sono rivelati importanti ai fini del risultato".

Entrambe le reti della partita sono nate dopo un recupero in mezzo al campo. "C'era una strategia ne pressare alto, bravi Nainggolan e Taddei ma non dimentico Destro e Taddei che hanno avuto un bel sangue freddo davanti al portiere - ha sottolineato l'allenatore francese, tornato poi sul controverso episodio del rigore - E' stato bravo, è l'arbitro che decide, mi sembrava che l'assistente avesse dato rigore, poi è stato bravo Rizzoli a vedere che l'attaccante è scivolato. L'onestà paga sempre, è stato bravo il giocatore del Sassuolo". La Roma è attesa adesso dal recupero di mercoledì con il Parma. "Abbiamo detto ai giocatori di fare di tuttoper essere pronti per quella gara - ha evidenziato - Dopo il fischio finale è iniziata la preparazione, dobbiamo mangiar bene e riposare, questo sarà importante. Nessun'altra squadra giocherà oltre a noi, dobbiamo sfruttare questo momento".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata