Garcia: Non credo a un Napoli in crisi, Roma giocherà al 100% e senza fare calcoli

Roma, 4 feb. (LaPresse) - "Vogliamo giocare tutto al 100%. Dobbiamo fare attenzione a leggere la classifica, perché quando abbiamo una partita in meno pensiamo sempre di avere 3 punti in più, ma non è così". Lo ha detto Rudi Garcia nel corso della conferenza stampa alla vigilia della semifinale di andata di Coppa Italia contro il Napoli. "Benitez e difesa del Napoli in crisi? Non penso, nel calcio bisogna attaccare e segnare dei gol, ma bisogna avere un equilibrio forte, è vero che quando si difende bene è più facile vincere le partite", il tecnico giallorosso non crede quindi ad un Napoli in crisi.

"Hanno una squadra forte non solo in attacco. Hanno fatto tanti punti in Champions - ricorda il tecnico giallorosso - nessuno ha dubbi sul valore del Napoli. Domani dobbiamo fare in modo di non prendere gol, perché in caso di pareggio nelle due partite può essere importante non prendere gol in casa". Garcia poi glissa sulle parole di Reja che 'avventatamente' ha augurato a qualche giocatore di farsi male in vista del derby. "Avremo il tempo di parlare di questa cosa, il campionato è domenica, oggi parliamo della Coppa Italia".

Garcia commenta poi l'ottime inserimento in squadra di radja Nainggolan. "Nessuno è perfetto, neanche De Rossi, Strootman, Pjanic o Taddei, ma lui è forte. Aiuta la squadra sul piano difensivo e offensivo - spiega Garcia - può migliorare sul fatto di essere decisivo, ha un calcio forte, può segnare gol da lontano, può fare un po' più di inserimenti, ma con questa potenza nella gambe sa fare tutto. Un buon acquisto non solo sul piano sportivo ma anche umano. E' incredibile vederlo giocare con noi, sembra che abbia fatto il ritiro di inizio stagione".

Non avendo giocato contro il Parma, nella Roma è possibile un turnover. "Alcuni se non giocano domani sarebbero quattoridici giorni che non giocano, e anche questo fa parte del mio pensiero. Ma abbiamo il vantaggio di non avere giocato tre giorni fa, e anche per domenica, perché ci saranno quattro giorni per giocare la gara di campionato", spiega. "Il problema forse ci sarà sulla gara di ritorno, vedremo, ma non mi piace fare calcoli, che tengo uno per questa gara, l'altro no, i diffidati - ammette Garcia - il piano spesso è difficile da seguire, per squalifiche o infortuni. Io so che tutte queste quattro gare sono allo stesso livello di importanza e i giocatori sanno che sono tutti importanti, perché abbiamo quattro partite e ognuno deve essere pronto a giocare e a dare il meglio, quello che fanno dall'inizio della stagione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata