Garcia avverte: Roma non deve mollare, secondo posto non è raggiunto

Roma, 24 mar. (LaPresse) - "Il secondo posto non è raggiunto, meglio avere sei punti in più certo, ma non dobbiamo mollare". Il tecnico della Roma Rudi Garcia in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Torino carica i suoi a restare concentrati per conquistare il secondo posto in campionato, e il conseguente accesso alla Champions League diretta. "Sono contento del mio centrocampo attuale, senza Kevin e Daniele (Strootman e De Rossi, ndr) abbiamo disputato partite migliori sul piano del gioco, soprattutto con il Napoli - ha sottolineato l'allenatore francese - Poi abbiamo vinto con Udinese e Chievo, che non è mai facile. Vogliamo andare avanti e fare di tutto per vincere in casa con il Torino". In vista della partita di domani, i dubbi sono legati all'assetto difensivo, vista la squalifica di Benatia e le incertezze legate a Maicon. "Ha fatto una parte di allenamento con la squadra questa mattina, ma abbiamo ancora più di 24 ore per vedere se questa cosa migliorerà, non ha niente di grave, speriamo che domani mattina tutto sarà al meglio e che possa giocare domani sera - ha evidenziato l'allenatore dei giallorossi - Toloi invece giocherà di certo". A chi gli chiede le differenze tra il campionato spagnolo e quello italiano, emerse ancora più confronto il 'clasico' di ieri sera terminato 4-3 con i due posticipi della Serie A, Catania-Juventus e Lazio-Milan, l'allenatore della Roma ha spiegato che "parliamo di una partita di Liga di alto livello, un 3-4 è una bella pubblicità per il calcio in generale, anche se ci sono stati molti cartellini anche sul piano disciplinare - ha sottolineato Garcia - A me piace vedere un campionato con tre squadre in un punto, è meglio per i media e per gli spettatori, quando una squadra è sicura di vincere già due mesi prima della fine è più noioso per me".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata