Galliani: Milan costruito per Europa, convinti di scelta Mihajlovic

Milano, 13 dic. (LaPresse) - "Il rapporto tra Mihajlovic e Berlusconi? Il presidente fa il presidente da 30 anni e io faccio l'amministratore delegato da 30 anni: è normale che chi arriva da poco debba adattarsi alla nostra linea, ma tra tutto lo staff c'è unità di intenti. C'è solo da adattarsi, è come quando cambi moglie e devi adattarti a nuovi equilibri". Lo ha detto Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ai microfoni di Premium Sport prima del match contro il Verona. "Sarri? È un buonissimo allenatore, era tra i candidati alla panchina del Milan, ma abbiamo optato per Sinisa e siamo convinti della scelta che abbiamo fatto", ha assicurato l'ad rossonero.

Interpellato sul tema mercato, "vedremo quello che succederà, ma dobbiamo concentrarci sulla squadra che c'è - ha aggiunto - l'organico è tale da far sì che il Milan vada in Europa e in Europa ci deve andare". Galliani ha poi replicato ai commenti di Fabio Capello secondo cui la squadra rossonero 'non ha qualità': "Lui aveva giocatori di qualità stratosferica e quei giocatori, in Italia, non ci sono più. Un tempo i palloni d'oro venivano sempre da noi e ora, per svariati motivi, non ci sono più. Ma il Milan, considerata la qualità del campionato italiano, ha tutto per stare ai vertici".

"Conte è un altro allenatore che ho corteggiato. Lui fa il ct, deciderà lui quali saranno i 23 da portare in Francia. Io per Balotelli ho stima". Così Galliani ha commentato il recente scambio di battute a distanza tra il tecnico azzurro e l'attaccante dopo il sorteggio degli Europei.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata