Francia, Ribery e Benzema assolti da accuse di sfruttamento della prostituzione

Parigi (Francia), 30 gen. (LaPresse/AP) - Frank Ribery e Karim Benzema sono stati assolti dalle accuse di sfruttamento della prostituzione. I due calciatori francesi erano accusati di aver fatto sesso con una prostituta all'epoca minorenne, Zahia Dehar.

Il giudice del tribunale di Parigi ha assolto Ribery e Benzema perchè non ci sono prove sufficienti a dimostrare che i due calciatori erano consapevoli che la ragazza che li ha accusati era minorenne all'epoca dei loro rapporti. Assolto anche il cognato di Ribery. I due giocatori, se ritenuti colpevoli, rischiavano una condanna fino a tre anni di carcere. Ribery ha ammesso la relazione con la escort Zahia, mentre Benzema ha sempre negato. I due giocatori non erano presenti in aula.

La Dehar ha rivelato che nel 2009 aveva raggiunto Ribery a Monaco di Baviera come 'regalo di compleanno' quando era ancora minorenne. La ex escort ha detto sempre di aver mentito ai giocatori circa la sua età. Come i due calciatori, anche la Dehar non era presente al processo. Sebbene Ribery abbia ammesso di aver fatto sesso con la Dehar, ha sempre ribadito di non aver mai pagato e di non sapere che all'epoca era una prostituta minorenne. Benzema ha invece sempre negato tutte le accuse. Il 26enne attaccante del Real Madrid era sospettato di avere pagato 678 dollari per un rapporto sessuale con la Dehar nel maggio 2008, la notte in cui era stato premiato come giocatore francese dell'anno. All' epoca la Dehar aveva 16 anni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata