Floccari: Europa? Pensiamo a vincere, vedremo cosa succederà

Roma, 14 mag. (LaPresse) - "Noi dovremo fare la nostra partita non pensando assolutamente ai risultati degli altri campi. Dobbiamo pensare a vincere e poi vedremo cosa succederà. Sicuramente l'Inter contro l'Udinese farà il suo". L'attaccante della Lazio Sergio Floccari ai microfoni di Lazio Style Radio e Lazio Style Channel lancia la volata per l'Europa League: la Lazio sarà impegnata con il Cagliari, l'Udinese a Milano con l'Inter. "Questi due giorni di riposo che ci ha dato il mister stanno servendo per recuperare le forze in virtù dell'impegnativo finale di stagione - ha sottolineato la punta biancoceleste - Gli ultimi risultati con tanti gol segnati ci hanno ridato morale aiutandoci a superare le difficoltà di questi ultimi mesi. Abbiamo avuto un'importante reazione che sicuramente ci consente di arrivare a queste due ultime partite nel migliore dei modi, soprattutto sotto l'aspetto mentale, dell'entusiasmo e della fiducia nei nostri mezzi - ha proseguito Floccari - Questo è l'aspetto che conta maggiormente in questo momento, più di quello fisico".

Sergio Floccari traccia poi un primo bilancio di questa stagione. "Finora penso sia stata una stagione importante per la Lazio e per tutti noi. Dispiace essere usciti dall'Europa League, soprattutto per demeriti non nostri - ha ammesso l'attaccante della Lazio - Ma credo che in tantissime occasioni, sia in campionato che in Europa abbiamo imposto il nostro gioco e fatto vedere un bel calcio. Inoltre è stato veramente brutto giocare senza i nostri tifosi", ha sottolineato Floccari. In chiusura una battuta sul derby con la Roma in finale di Coppa Italia. "So benissimo quanto sia importante questa partita a Roma e per tutti i nostri tifosi - ha evidenziato l'ex giocatore di Messina e Atalanta - Quando l'arbitro fischierà, sarà una vera e propria battaglia, calcisticamente parlando. Noi ci impegneremo al massimo per cercare di portare a casa la coppa e regalare una grande gioia a tutta la gente laziale", ha concluso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata