Fiorentina, Sousa: Juve in salute, ma noi a Torino per vincere

Firenze, 12 dic. (LaPresse) - "Noi possiamo competere con i migliori, senza limiti, dando tutto quello che abbiamo con ambizione e coraggio". Così Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della gara di campionato contro la Juventus.

Parlando della gara contro i bianconeri, il tecnico lusitano dichiara: "Giocheremo fuori casa secondo la nostra identità, cercando di essere protagonisti e di vincere la partita. Domani serviranno cuore e testa, perchè per prendere decisioni importanti serve essere brillanti anche con la testa". Parlando ancora della Juve, Sousa dichiara: "Troviamo una Juve in salute, purtroppo per noi, ma siamo comnsapevoli che è una partita bellissima per quello che vogliamo avere nel nostro futuro".

Parlando sempre della Juventus, Paulo Sousa dichiara: "Le sue qualità principali sono la forza individuale dei suoi giocatori, la maturità in ogni partita per cui sanno gestire i tempi e per questo è una squadra molto forte". Per il tecnico portoghese, però, la forza della Juve è "anche la sua storia e cultura, la serenità che la società dà anche nelle difficoltà di una stagione non iniziata bene. Ora sono tornati al livello che appartiene a loro, qui si vede la capacità della società. Da parte nostra stiamo facendo benissimo, stiamo facendo il nostro lavoo e siamo consapevoli delle nostre qualità".

Una Juve chiamata a rincorrere, ma che non ha perso lucidità. "Quando si è obbligati a vincere e si rincorre senza risultati, tante volte la precipitazione può rendere le cose sfavorevoli. Ma non è il caso della Juve", prosegue. Parlando della sua squadra, invece, Sousa dichiara: "Io voglio sempre una squadra ambiziosa e coraggiosa, non prudente. Vogliamo sfruttare al massimo le nostre qualità, consapevoli delle noste capacità. Siamo tutti a posto, oggi faremo l'ultimo allenamento. Abbiamo due giorni in meno per preparare la partita, ma cinque punti in più e questo mi rende molto felice".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata