Finisce sogno Juve, addio Champions: Bayern troppo forte, è ancora 0-2

Torino, 10 apr. (LaPresse) - Si ferma nei quarti di finale l'avventura della Juventus in Champions League. Il Bayern Monaco si conferma ostacolo insormontabile per i bianconeri di Conte. Dopo il 2-0 dell'andata in Germania, i bavaresi si impongono con lo stesso punteggio a Torino grazie ai gol del croato Mario Mandzukic e del peruviano Claudio Pizarro. Juve che esce comunque a testa alta dalla competizione, subendo le uniche due sconfitte proprio nel doppio confronto con i tedeschi. I bavaresi si confermano una corazzata, per competere a questi livelli ai bianconeri servono non meno di due-tre rinforzi di qualità assoluta.

DELUSIONE VUCINIC. Conte schiera Padoin a destra per Lichtsteiner e Pogba in mezzo al posto di Vidal. Sulla sinistra rispetto a Monaco c'è Asamoah, la coppia d'attacco è formata da Vucinic e Quagliarella. Due le novità nel Bayern rispetto all'andata, Javi Martinez al posto di Luiz Gustavo e Robben al posto dell'infortunato Kroos. Magnifica la coreografia dello Juventus Stadium, pieno in ogni ordine di posto. Spinta dal suo pubblico la Juve parte subito a tutta e dopo ottanta secondi arriva il primo tiro in porta di Vucinic, parato da Neuer. Sarà purtroppo questo l'unico spunto del montenegrino, deludente. I tedeschi quando attaccano fanno paura e all'8' Mandzukic ha sul destro la palla buona per ammutolire lo stadio, ma Padoin riesce a fermarlo. Al 22' prima vera occasione per la Juve, Pirlo su calcio di punizione dal limite impegna Neuer. Al 35' Heynckes deve sostituire l'infortunato Van Buyten con Jerome Boateng, fratello del milanista Kevin Prince. Juve che prova a forzare i tempi con le iniziative di Pogba. Al 38' però grande parata di Buffon su conclusione dai venti metri di Alaba. Prima dell'intervallo, pericoloso in mischia Quagliarella.

BAYERN MICIDIALE. Avvio veemente della Juve nella ripresa, Pirlo impegna ancora Neuer su punizione dal limite e poco dopo Quagliarella scheggia il palo da fuori area. La partita entra nel vivo, al 10' Chiellini prova l'incursione in area ma viene fermato. Sul micidiale contropiede innescato da Neuer per Ribery, Robben colpisce il palo. Al 19' il Bayern passa: punizione di Schweinsteiger dalla trequarti deviata da Javi Martinez, miracolo di Buffon ma da due passi Mandzukic questa volta non sbaglia. Le speranze di qualificazione della Juve si spengono. Quando Conte toglie Quagliarella per Matri, si capisce che l'obiettivo è limitare i danni. I bianconeri provano quanto meno a pareggiare prima con una incursione di Vucinic e poi con un tiro dalla distanza di Pogba, ma Neuer non si fa sorprendere.

IL RADDOPPIO DI PIZARRO. Nel finale Conte dà spazio anche a Giaccherini al posto di un esausto Marchisio. Il tecnico bianconero giustamente inizia a pensare al campionato, "obiettivo reale" da lui definito: lunedì c'è la Lazio all'Olimpico. Nel finale arriva anche il raddoppio bavarese con il neo entrato Pizarro. Il Bayern prosegue il suo cammino in Europa, per una sfida che in semifinale vede qualificate due squadre tedesche e due spagnole.

JUVENTUS-BAYERN MONACO 0-2

MARCATORI: st 18' Mandzukic, 45' Pizarro.
JUVENTUS: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin (st 24' Isla), Pogba, Pirlo, Marchisio (st 33' Giaccherini), Asamoah; Quagliarella (st 21' Matri), Vucinic. A disposizione: Storari, Caceres, De Ceglie, Peluso, Isla. All. Conte.
BAYERN MONACO: Neuer; Lahm, Van Buyten (pt 35' Boateng), Dante, Alaba; Martinez, Schweinsteiger; Robben, Muller, Ribery (st 34' Gustavo); Mandzukic (st 38' Pizarro). A disposizione: Starke, Rafinha, Shaqiri, Gomez. All. Heynckes.
ARBITRO: Carballo (Spagna)
NOTE. Ammoniti: Mandzukic (B), Bonucci (J).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata