Fifa, Drogba chiede permesso per anticipare ritorno in Europa

Ginevra (Svizzera)0, 21 nov. (LaPresse/AP) - Il calciatore dello Shanghai Shenhua, Didier Drogba ha chiesto alla Fifa un permesso speciale per passare in prestito a un club europeo prima dell'apertura ufficiale del mercato invernale. La Fifa ha detto che sta prendendo in considerazione la richiesta dell' ex stella del Chelsea. "I servizi di amministrazione Fifa stanno valutando cosa fare", ha scritto la Federazione in un comunicato. La stagione della Chinese Super League è finita questo mese. Se la Fifa accettasse la richiesta di Drogba, il 34enne centravanti della Costa d'Avorio potrebbe giocare in una squadra nuova per preparare la Coppa d'Africa, che prende il via il 19 gennaio in Sud Africa.

Le norme in vigore tuttavia impedirebbero a Drogba di passare a un altro club prima del 1 gennaio. La Fifa ha sempre optato per il rispetto della regola generale. In passato David Beckham, Thierry Henry e Landon Donovan hanno dovuto aspettare fino alla riapertura del mercato europeo per passare in prestito dopo la conclusione della stagione della Major League americana. Drogba ha firmato un contratto fino al 2014 con lo Shanghai Shenhua dopo aver vinto il con il Chelsea la Champions League a maggio. Tra le squadre interessate a un suo eventuale ingaggio c'è in prima fila la Juventus.

Tra le possibili destinazioni del bomber ivoriano c'è anche l'Olympique Marsiglia, la prima squadra europea in cui ha militato. Lo stesso Drogba in diverse occasioni ha detto di voler tornare all'OM un giorno, ma il presidente del club Vincent Labrune ha già fatto capire che la condizione principale per un suo ritorno è la riduzione dell'ingaggio.

L'OM, infatti, è in grave crisi finanziaria ed è stato costretto a vendere giocatori chiave come Alou Diarra e Stephane M'Bia. "Ovviamente io sono a favore di tutti quei grandi giocatori che decidono di fare dei sacrifici economici. Se Lionel Messi vuole venire, io sono a favorevole. Ma stiamo parlando di niente", ha dichiarato Labrune a Radio Montecarlo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata