Fifa approva utilizzo tecnologia in caso di 'Gol fantasma'

Zurigo (Svizzera), 5 lug. (LaPresse) - La Fifa ha approvato l'utilizzo della tecnologia per quanto riguarda i cosiddetti 'gol fantasma' a partire dal Mondiale per Club del 2013 e per la Coppa del Mondo del 2014. Sono due i sistemi approvati dall'International Board per poter essere immediatamente utilizzati negli incontri. La Premier League potrebbe addirittura adottarne uno già a partire dalla prossima stagione.

Uno dei membri del board che ha deciso l'introduzione della tecnologia è stato il presidente della Fifa, Sepp Blatter, grande fautore della modifica a differenza del presidente della Uefa, Michel Platini, da sempre contrario. I due sistemi approvati sono quello inglese del cosiddetto 'Occhio di Falco' basato sull'utilizzo di una telecamera, già usato nel tennis e nel cricket, e quello del 'GoalRef' un progetto Danese-Tedesco che utilizza sensori magnetici.

"Vogliamo essere sicuri che questi sistemi in occasione della prossima coppa del mondo funzionino al 150%", ha detto il segretario generale della Fifa, Jerome Valcke, specificando che la decisione è stata presa in maniera "unanime" da parte del board. Il supporto video rimane invece assolutamente off limits per quanto riguarda situazioni specifiche di gioco come rigori e fuorigioco.ù

Nell'ultima stagione sono stati soprattutto due gli episodi clamorosi che hanno fatto discutere. Quello di Muntari nella sfida del campionato di Serie A fra Milan e Juventus e quello occorso nella gara di Euro 2012 fra Inghilterra ed Ucraina dove il difensore britannico John Terry ha respinto in scivolata un tiro dell'ucraino Devic quando aveva già superato la linea di porta.

Celeberrimo anche l'episodio accaduto nel corso del mondiale 2010 quando, nella partita Germania-Inghilterra, la formazione allenata ai tempi da Fabio Capello è stata vittima di un macroscopico errore arbitrale in occasione di un tiro di Lampard che, dopo aver colpito la traversa, è rimbalzato circa 50cm all'interno della porta tedesca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata