F1, Webber: in quota il "no" al Gp di Cina e l'addio alla Red Bull
ROMA - A provare a chiudere "il caso" ci hanno pensato il team principal Christian Horner e pure Helmut Marko, il consigliere della Red Bull. Sebastian Vettel si è scusato ma tutto questo non basta. Perché il sorpasso "proibito" a Mark Webber brucia ancora. Il secondo posto a Sepang ha lasciato l'amaro in bocca all'australiano, beffato dal compagno di squadra, e le polemiche non sono sfuggite ai bookmaker d'oltremanica. In lavagna si guarda ovviamente al 2014 e il rinnovo di Webber è offerto a 2,25, mentre la possibilità che al via della prossima stagione non sia più un pilota della Red Bull è favorita a 1,57. Senza voler guardare troppo oltre i quotisti puntano anche sul prossimo Gp, in programma in Cina tra due settimane: il rifiuto di Webber a scendere in pista si gioca a 51,00. SA/Agipro

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata