F1, Mosley su incidente Alonso: 20 anni fa sarebbe morto
L'ex presidente della Fia sull'impatto del pilota McLaren al Gran Premio d'Australia

L'ex presidente della Fia Max Mosley sostiene che un incidente come quello occorso a Fernando Alonso nel Gran Premio d'Australia di domenica in passato avrebbe portato alla morte del pilota. La McLaren dello spagnolo ha agganciato la Haas guidata da Esteban Gutierrez, si è schiantata contro la barriere del circuito di Albert Park, si è capovolta più volte sulla sabbia prima che Alonso strisciasse fuori dai rottami. In passato "non credo che sarebbe sopravvissuto", ha detto Mosley a diverse testate nazionali.

 

"Non si può sapere con certezza senza un'analisi dettagliata, ma in generale questo genere di incidenti ha provocato lesioni gravi o mortali. Fortunatamente, la striscia sembra essersi fermata. Ci sono ancora strani incidenti, come quello di Jules Bianchi. Ci sono incidenti gravi dove ci si aspetta che il pilota esca sulle proprie gambe. Questo non sarebbe successo 20 anni fa". Tutto questo, ha proseguito Mosley, "è stato possibile grazie a Sid Watkins (ex responsabile medico Fia, ndr) e un team di persone veramente competenti, e alle squadre stesse". "E' stata una grande soddisfazione vedere Alonso uscire con le proprie gambe", ha aggiunto. "Si lavora duro ed è molto soddisfacente quando si vedono i risultati. E' stato un incidente abbastanza impressionante".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata