F1, Hamilton domina libere e medita il riscatto in Cina. Ferrari insegue
La Mercedes spera di poter rimettere le cose a posto sul circuito di Shanghai, dove il pilota inglese è difficile da battere

Scottato dalle prime due gare in cui è rimasto all'asciutto di vittorie, Lewis Hamilton ha voluto mettere subito in chiaro le cose nella prima giornata di prove del Gran Premio della Cina. A Shanghai, il campione del Mondo a bordo della sua Mercedes ha fatto segnare il miglior tempo assoluto dominando entrambe le sessioni. Alle sue spalle, però, incalzano le Ferrari con Kimi Raikkonen secondo ad un battito di ciglia. Hamilton ha ottenuto il suo miglior giro in 1:33.482, soli 0.007 millesimi di secondo sul finlandese in condizioni di vento umido. "Bello vedere tutti i tempi così vicini. Ma questo significa che abbiamo davvero bisogno che tutti nel team diamo il massimo per tutto il weekend perché serve uno sforzo comune", ha commentato Hamilton.

Terzo l'altro finlandese della Mercedes Valteri Bottas, staccato di 0.033 centesimi. Quarta l'altra Ferrari di Sebastian Vettel a 0.108 da Hamilton. Il tedesco, vincitore delle prime due gare della stagione, ha girato in 1:33.590. Insomma, la battaglia fra Mercedes e Ferrari è già entrata nel vivo con le Frecce d'Argento ansiose di vincere a Shanghai dopo che Vettel ha vinto in Australia e Bahrain. "Sembra siano di nuovo molto vicine, quindi penso che domani ci sarà una qualifica equilibrata e sicuramente sarà così anche domenica", ha commentato Bottas. La Mercedes spera di poter rimettere le cose a posto su un circuito, quello di Shanghai, dove Hamilton è difficile da battere. Fra l'altro l'inglese è il pilota con il maggior numero di successi nei 14 anni di storia del Gp della Cina con cinque vittorie.

Sia Vettel che Hamilton stanno inseguendo il loro quinto titolo mondiale in carriera per eguagliare il leggendario Juan Manuel Fangio. Vettel ha avuto un inizio di stagione straordinario con la vittoria in Australia e quella in Bahrain, capitalizzando una serie di problemi di affidabilità che hanno colpito i campioni del Mondo. Nella scuderia di Maranello, però, si vola basso consapevoli che la stagione è appena iniziata. "Su questo circuito è importante trovare il feeling giusto e il set up con la macchina. La pista è lunga, le gomme sono difficili e il pit stop sarà molto importante", ha detto Vettel. "Sarà dura ma siamo piuttosto vicini, possiamo ancora migliorare e vedremo cosa accadrà", ha aggiunto. "E' andata piuttosto bene, sul giro secco potevo essere più veloce però abbiamo una discreta idea della nostra situazione e domani vedremo", ha detto invece Raikkonen. "Abbiamo disputato solo due gare, al momento la stagione è ancora molto molto lunga. Il comportamento della macchina cambia da una pista all'altra, qui vedo una Mercedes e una Red Bull piuttosto forti. Ma noi non siamo qui per arrenderci", il commento invece del team principal Arrivabene.

Per quanto riguarda i principali rivali di Ferrari e Mercedes, in difficoltà le Red Bull con Max Verstappen quinto a 0.341 e Daniel Ricciardo soltanto nono a 1.075. Fra i due si sono piazzati Nico Hulkenberg su Renault, Kevin Magnusson sulla Haas, davanti a Carlos Sainz sull'altra Renault. Decimo, infine, Fernando Alonso su McLaren.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata