F1, Domenicali: Spero che la Ferrari faccia come l'Italia dell'82

Milano, 9 mar. (LaPresse) - "I primi test hanno detto che il progetto che avevamo era buono, ma un po' estremo, perciò presentava dei problemi. Il nostro potenziale poteva essere più alto a questo punto, ma non è vero che l'ambiente è pessimista", così il direttore della gestione della Ferrari, Stefano Domenicali, in un'intervista esclusiva al programma "Studio Sport XXL", che andrà in onda sabato 10 marzo alle 0.05 su Italia 1.

"Se a Melbourne sarà una gara in difesa? Difendendosi si può anche vincere - ha spiegato - Mi auguro che questa stagione finisca come il Mondiale di calcio del 1982: l'Italia era andata male nelle prime amichevoli, alla fine vinse il campionato del mondo".

Infine, quando gli viene chiesto se, dopo le recenti critiche, si sentisse messo in discussione, Domenicali risponde: "Sentirsi messo in discussione fa parte della mia professione, ma la squadra è serena. Sono qui da più di vent'anni e ormai la Ferrari è la mia seconda famiglia, è giusto che certe responsabilità ricadano su di me".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata