F1, Alonso: Un decimo più veloce grazie a Massa. Vettel: Ho una macchina fantastica

Monza, 7 set. (LaPresse) - "La strategia delle scie era pianificata, l'abbiamo sempre fatto qui. Sono andato più veloce di un decimo grazie a Felipe che mi ha aspettato ed è stato molto gentile". Così Fernando Alonso ai microfoni della Rai dopo il quinto posto nelle qualifiche del Gran Premio d'Italia di Formula 1. "Siamo andati meglio di altre volte - prosegue lo spagnolo - siamo più competitivi rispetto ad altre gare, come ad esempio a Spa dove siamo andati bene in Q1 e Q2 per po chiudere noni e decimi in Q3. Ora abbiamo più garanzie per domani". Infine sul terzo posto di Hulkenberg che potrebbe rallentare domani le Ferrari in gara, Alonso attacca: "E' andato forte, ha fatto un buon giro e speriamo di superarlo domani il prima possibile per non lasciare andare via le Red Bull".

"Si abbiamo lavorato tanto, abbiamo spinto tanto per questa gara e vediamo domani", ha detto invece Felipe Massa. "Siamo lì tutti i primi cinque, domani speriamo di poter avere un risultato migliore di oggi. Sarebbe fantastico essere davanti alla Red Bull in casa e davanti ai nostri tifosi. Speriamo di fare una buona partenza - prosegue il brasiliano - in gara conta tutto. Loro hanno un ottimo passo in qualifica ma ieri hanno dimostrato di poterlo avere anche in gara. Sono forti ma proveremo a fare tutto il possibile".

Soddisfazione in casa Red Bull. "Una macchina fantastica, è andata meglio del previsto", ha detto Sebastian Vettel. "Già ieri avevamo un bel passo e oggi ho fatto due bei giri in q3. Forse può essere una sorpresa essere in prima fila a Monza con due macchine - prosegue Vettel in conferenza stampa - dove storicamente non siamo mai andati così bene. E invece quest'anno tutto ha funzionato bene. Speriamo di poter fare una bella gara domani". Vettel, infine, spiega come con la Red Bull "abbiamo cercato di migliorare di anno in anno. Quest'anno siamo forti, siamo altrettanto veloci nei rettilinei e in curva. Non è mai facile qui azzeccare tutto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata