F1, Gp Usa: Bottas in pole davanti a Vettel. Leclerc quarto precede Hamilton
F1, Gp Usa: Bottas in pole davanti a Vettel. Leclerc quarto precede Hamilton

L'inglese della Mercedes comunque è pronto stasera a festeggiare il suo sesto titolo mondiale

Il pilota Mercedes che non ti aspetti. Sul circuito di Austin, dove tutto è pronto per celebrare il sesto titolo di Lewis Hamilton, la pole la firma il suo compagno di scuderia Valtteri Bottas, deciso a non mollare fino alla fine. Il finlandese della Mercedes è stato il più veloce sul tracciato di Austin, in Texas, precedendo con il tempo di 1.32.029 il ferrarista Sebastian Vettel per appena 12 millesimi. Verstappen, con la Red Bull, ha ottenuto il terzo crono precedendo l'altra Ferrari di Leclerc (a 108 millesimi dalla pole), protagonista di qualifiche tutte in salita per aver saltato il Q3, a causa di un guasto al motore che lo ha costretto a fermarsi dopo appena 15 minuti. Quinto tempo per il futuro campione Hamilton, che firma una delle sue peggiori qualifiche nel Gp Usa. Si ferma così a sei il numero di pole consecutive della Ferrari. Ma visto gli ultimi precedenti, con qualifiche colorate di Rosso poi bruciate da gare senza vittoria, c'è da sperare che stavolta la ruota possa tornare a girare dalla parte del Cavallino come ha sottolineato lo stesso team principal della Ferrari, Mattia Binotto: "Noi arriviamo da tante pole consecutive, speravamo di allungare la serie. Credo che Bottas abbia fatto un fantastico ultimo giro, la differenza è stata sottile. Una qualifica tirata. Partire davanti non ci ha portato fortuna nelle ultime gare, chissà che non possa andar meglio domani. Quello che conterà sarà il ritmo di gara, così come il degrado delle gomme".

Vettel è pronto a dare battaglia e aver sfiorato la pole è stata comunque una buona iniezione di fiducia: "Congratulazioni a Bottas, eravamo molti vicini. Ho perso in velocità nell'ultimo tentativo ma ero comunque già dietro. Ho fatto giri discreti, spero domani in un buon avvio e di partire dalla linea. Tutti partiranno con le gomme medie. Sicuramente dovremmo pensare a tante cose domani". Il pilota guarda positivo mentre per Leclerc invece si profila una gara in salita: "Se vedo la posizione non sono soddisfatto, ma se guardo al distacco non eccessivo dalla pole c'è del positivo. Ha influito saltare Q3 dove c'è la simulazione gara. Quanto mi ha svantaggiato non lo so. Mi aspettavo un po di più in termini di qualifica ma anche le altre vetture vanno forti. Abbiamo cambiato la vettura ma non so se basterà domani per fare la differenza". La sua prestazione è stata infatti condizionata nel suo primo out-lap, quando il pilota monegasco ha dovuto fermare la Ferrari nel terzo settore: dal posteriore della sua SF90 è uscita infatti una fumata bianca che ha costretto il ferrarista a parcheggiare la vettura a bordo pista. E per i meccanici è stata una corsa contro il tempo per rendere la vettura pronta per le qualifiche utilizzando soprattutto il Q1 per fare più giri possibili. Nel Q2 il ferrarista ha comunque dato battaglia risultato il più veloce davanti proprio al compagno di scuderia Vettel. Poi Bottas nel Q3 ha dato la zampata vincente con Verstappen, tra i più veloci ieri nelle libere a piazzarsi terzo. "Sono molto contento, bel giro nel Q3, il feeling aumenta giro dopo giro. Nel giro conclusivo ho avuto meno aderenza, per fortuna gli altri non si sono migliorati", ha dichiarato Bottas. Hamilton invece non nasconde la delusione: E' andata così. Valterri ha fatto un gran lavoro, congratulazioni a lui. Oggi non ero abbastanza in forma. Onestamente, non sto pensando a domani. Voglio soltanto digerire quello che è successo e poi comincerò a guardare avanti". In fondo c'è solo da vincere un Mondiale. Per il britannico basta piazzarsi tra i primi otto per mettere il suo sesto sigillo su una carriera da numero uno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata