Eurozona, Cipro boccia i prelievi su conti correnti: l'addio all'euro a 3,00
ROMA - Il parlamento di Cipro ha bocciato il piano di salvataggio proposto da Ue e Fmi, che prevedeva i prelievi forzosi sui conti correnti per un totale di 5,8 miliardi euro per evitare la bancarotta. Una presa di posizione che apre scenari imprevedibili per l'Eurozona, mentre i bookmaker tagliano le quote sull'addio alla moneta unica (a 3,00 sulla lavagna di Paddy Power). La Grecia, a 1,83, resta la più accreditata per l'uscita dall'euro, seguita a 10,00 dalla Spagna e dall'Italia e a 17,00 dal Portogallo. MSC/Agipro

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata