Europei 2016, l'Italia di Conte parte bene: Bonucci-Zaza stendono la Norvegia

Oslo (Norvegia), 9 set. (LaPresse) - Da Bari ad Oslo il copione non cambia. Dopo l'amichevole vinta 2-0 con l'Olanda la nazionale di Antonio Conte si ripete regolando con lo stesso punteggio la Norvegia, questa volta con i tre punti in palio, i primi nel girone di qualificazione per gli Europei del 2016. Dopo 77 anni l'Italia torna così a vincere in terra norvegese. Gli azzurri confermano i progressi mostrati già con gli 'Orange' mettendo in campo l'agonismo e la cattiveria tipica del nuovo condottiero in panchina e riproponendo situazioni di gioco con il 3-5-2 già apprezzate nella gara d'esordio e negli schemi adottati ai tempi della Juventus. L'intesa tra Immobile e Zaza continua a progredire, mentre dietro balza all'occhio come in 180 minuti tanto Sirigu quanto Buffon non abbiano dovuto fare alcun intervento per salvare la porta.

Rispetto alla partita con l'Olanda Conte schiera Buffon tra i pali al posto di Sirigu e Florenzi in mezzo al campo in luogo dello squalificato Marchisio. Gli ospiti risultano aggressivi fin dai primi minuti e al primo vero affondo l'Italia passa in vantaggio. Zaza riceve palla sull'out sinistro, si allarga e fa partire un sinistro sporcato da Nodtveit che mette fuori causa il portiere. Nell'occasione Immobile, in posizione di offside, ostruisce la visuale a Nyland, rimasto comunque spiazzato dalla deviazione. Per il centravanti del Sassuolo si tratta della prima rete con la maglia della nazionale. La Norvegia punta a riorganizzarsi ma, anche per il guardingo 4-5-1 iniziale, fatica a creare grattacapi dalle parti di Buffon se non con qualche spiovente in area. La squadra di Conte rallente i ritmi ma torna a rendersi pericolosa al 32' con una conclusione dalla distanza di Giaccherini, con Nyland che respinge in maniera non perfetta ma efficace.

I padroni di casa escono dagli spogliatoi con il piglio giusto e provano a mettere in difficoltà l'Italia. Sul piano del ritmo e dell'aggressività gli azzurri si fanno sorprendere e per quasi un quarto d'ora patiscono l'atletismo della Norvegia, che in ogni caso non riesce a concretizzare la sua superiorità nell'area da rigore italiana. Conte avverte il pericolo e toglie un Darmian stanco inserendo Pasqual. Proprio dal terzino della Fiorentina un minuto dopo arriva il gol del raddoppio: l'esterno mancino è libero di crossare dall'out di sinistra in mezzo per l'inserimento di Bonucci, che stacca coi tempi giusti e trafigge Nyland per il 2-0. Messo in cassaforte il risultato, gli ospiti rischiano di dilagare anche perché la Norvegia accusa il colpo del raddoppio. Zaza sfiora in due occasioni la doppietta personale, prima al 33' quando colpisce in pieno la traversa poi al 35' quando semina il panico in area norvegese e conclude con un colpo sotto che scavalca il portiere ma viene allontanato sulla riga da un difensore. Per questo esordio può comunque bastare: l'Italia vince 2-0 e, dopo il disastroso Mondiale in Brasile, può tornare a guardare con ottimismo in vista dei prossimi impegni ufficiali, in programma a ottobre con Azerbaigian e Malta.

NORVEGIA-ITALIA 0-2

MARCATORE: pt 16' Zaza (I); st 17' Bonucci (I).

NORVEGIA: Nyland; Elabdellaoui, Nordtveit, Forren, Flo; Daehli, Skjelbred (30' st Pedersen), Johansen, Jenssen (25' st Tettey), Nielsen (5' st Elyonoussi); King. A disp. Jarstein, Hansen, Semb Berge, Hagen, Samuelsen, Konradsen, Danielson, Kamara. All. Hogmo.

ITALIA: Buffon; Ranocchia, Bonucci, Astori; Darmian (15' st Pasqual), Florenzi (42' st Poli), De Rossi, Giaccherini, De Sciglio; Zaza (38' st Destro), Immobile. A disp. Sirigu, Perin, Ogbonna, Maggio, Candreva, Verratti, Parolo, Giovinco, El Shaarawy. All. Conte.

Note: ammoniti Florenzi, Astori (I), Nordtveit, Forren (N).

Arbitro: Miloard Mazic (Serbia).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata