Europa League, Mazzarri avverte Inter: Contro St Etienne dovremo essere al top

Saint Etienne (Francia), 5 nov. (LaPresse) - "Dobbiamo essere al top e fare la nostra gara e il nostro gioco al di là di ogni avversario". Walter Mazzarri, allenatore dell'Inter, presenta così la sfida di Europa League di domani tra i nerazzurri e la squadra francese. "Ho grande rispetto per il Saint Etienne. È una squadra difficile da affrontare, ben organizzata e di grande atletismo", spiega il tecnico in conferenza stampa. "Siamo perfettamente consapevoli della forza della squadra che andiamo ad affrontare. Hanno ottime individualità con giocati molto veloci in avanti, giocano un buon calcio sarà difficile affrontarli. In Europa e in Italia quando gli altri vedono maglie nerazzurre danno sempre il 120%". "Siamo cosci di giocare in uno stadio molto caldo. Guarin ci ha detto che ambiente troveremo", continua Mazzarri. "Dobbiamo essere preparati a giocare, concentrandoci solo sulla gara. La nostra mentalità è quella di pensare solo a un risultato. Dovesse venirne un altro lo vedremo, ma non pensiamo mai a speculare sul risultato".

Il tecnico nerazzurro non si sofferma sul delicato momento della squadra in campionato: "Siamo in Europa delle gare precedenti ho già parlato. Stiamo facendo bene, dobbiamo continuare il nostro cammino". Riguardo le critiche ricevute, Mazzarri chiarisce: "Ho un mio metodo che porto avanti da molti anni. Uso il metodo del padre di famiglia. Quando rianalizziamo le partite ci sono momenti nei quali mi arrabbio di più e altri meno. Non mi preoccupo delle critiche ma solo a pensare a quello che c'è da fare e a trasmettere il massimo ai miei giocatori". Quanto alla situazione infortunati, spiega: "Oggi abbiamo convocato tre giocatori. Osvaldo, Nagatomo e Guarin che proverà oggi. Gli altri due almeno per la panchina sono disponibili. Siamo in emergenza totale, ma questo non ci deve creare pensieri diversi da quello che quando si entra in campo con la maglia dell'Inter si deve sempre dare il massimo". Sul possibile impiego di Icardi e Palacio, in campo da diverse partite: "Devo prendere tempo. Sta provando Guarin. Dovrò fare altre considerazioni e valutazioni. Mi riesce difficile ora dire cosa farò domani. Purtroppo in questo periodo ogni giorno ne accade una nuova. La posizione di Kovacic? Già nella gara con la Sampdoria - continua Mazzarri - aveva giocato trequartista. Deve trovarsi gli spazi per vedere porta e sfruttare al meglio le sua qualità. In questo è già cresciuto molto, deve continuare a farlo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata