Europa League: avanti Az, Benfica, Lione e Valencia. Siviglia ok ai rigori, impresa Basilea

Torino, 20 mar. (LaPresse) - Missione compiuta per Az Alkmaar, Valencia, Lione e Benfica, tutte qualificate ai quarti di Europa League come da previsioni. Agli olandesi, già vittoriosi all'andata, è bastato nel ritorno degli ottavi lo 0-0 sul campo dell'Anzhi per passare il turno. Avanza anche il Valencia, che forte del 3-0 dell'andata batte i bulgari del Ludogorets anche al ritorno per 1-0 grazie alla rete di Paco Alcacer al 14' del secondo tempo. Sconfitta indolore per il Lione, che cade in casa del Viktoria Plzen per 2-1 ma mette in tasca il pass in virtù del successo per 4-1 dell'andata. Ma i cechi, che rimontano il vantaggio francese firmato da Gomis con le reti di Kolar e Tecl, sbagliano al 25' della ripresa con quest'ultimo il rigore del possibile 3-1. Finisce la sua avventura il Tottenham, che pareggia sul campo del Benfica 2-2: i portoghesi scendevano in campo con la qualificazione in tasca dopo il 3-1 ottenuto a White Hart Lane. I portoghesi passano in vantaggio al 34' con Garay. Rimonta inglese nella ripresa con la doppietta di Chadil (33' e 34'). Il rigore di Lima al 50' spegne le illusioni degli Spurs.

Avanza anche il Basilea. Gli svizzeri hanno battuto in trasferta il Salisburgo 2-1 nell'incontro valido per il ritorno degli ottavi. Dopo nove minuti Basilea subito in dieci per l'espulsione di Suchy. Austriaci in vantaggio al 22' con Soriano. Rimonta ospite firmata nella ripresa da Streller (5') e Sauro (15'). Nel finale, anche il Salisburgo resta in dieci uomini per l'espulsione di Alan. L'incontro è stato interrotto per alcuni minuti intorno alla mezz'ora del primo tempo per lancio di oggetti in campo da parte dei tifosi svizzeri. L'andata si era conclusa sullo 0-0.

Impresa del Siviglia che si qualifica dopo aver vinto ai rigori (6-3) il derby contro il Betis. La squadra biancorossa, chiamata a rimontare la sconfitta per 2-0 dell'andata, ritorna in corsa con le reti di Rayes (20') e Bacca (30' della ripresa). Il risultato resiste anche nei supplementari. Si va dunque ai rigori dove risultato decisivi gli errori dal dischetto N'Diaye e Nono dopo il primo penalty fallito da Vitolo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata