Doping, caso Schwazer: procura chiede 6 mesi stop riducibili a 3

Roma, 9 gen.(LaPresse)- L'Ufficio di Procura Antidoping ha disposto il deferimento dell'atleta Alex Schwazer, alla Seconda Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping del Coni, per il riconoscimento della responsabilità (art. 2.3 delle Nsa) sulla base degli atti trasmessi dalla Procura della Repubblica di Bolzano e degli accertamenti svolti in ambito sportivo dall'Upa, con richiesta di squalifica di 6 mesi, a far data dalla scadenza della squalifica attualmente in atto, già irrogata dal Tribunale Nazionale Antidoping con sentenza del 23 aprile 2013, fino al 29 luglio 2016.

Per la collaborazione prestata dal medesimo per l'accertamento di violazioni in materia di doping commessi da terzi, l'Upa ritiene applicabile l'art. 4.6.1. delle Norme Sportive Antidoping vigenti, con richiesta di sospensione della sanzione complessiva nella misura di 3 mesi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata