Diritti tv, raggiunto accordo: tutta la Serie A su Sky, gare 'big' anche su Mediaset

Milano, 26 giu. (LaPresse) - "L'assemblea della Lega ha approvato la delibera per l'assegnazione dei diritti. Ha assegnato il pacchetto A (satellite per le partite delle 8 big) a Sky Italia per 357 milioni, se si considera il valore del secondo anno che è quello mediano, e il pacchetto B (digitale per le partite delle 8 big) a Mediaset per 180 milioni e il pacchetto D (le partite delle altre 12 squadre) per 306 milioni". Lo ha affermato il presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta al termine della lunga giornata di lavori dei presidenti della serie A per assegnare i diritti tv per il 2015 - 2018. "L'assemblea non ha assegnato i pacchetto E perché nessuna offerta è pervenuta e non ha assegnato il pacchetto C perché le offerte pervenute erano sotto l'offerta minima".

La decisione presa dall'assemblea della Lega Calcio "tiene conto della massimizzino dei ricavi e li interessi degli utenti e dei consumatori valorizzando le piattaforme dove i due broadcaster sono già radicati", ha spiegato Beretta sottolineando che l'assemblea è pronta a "valutare positivamente" una richiesta di sublicenza non prevista dal bando, che consentirebbe a Mediaset e Sky di scambiarsi i pacchetti. I due broadcaster hanno raggiunto un accordo in questo senso nel pomeriggio. La decisione è stata presa con "22 voti favorevoli e un astenuto, che è la Fiorentina", ha spiegato Beretta. Alla votazione hanno preso parte 23 club, incluse le tre retrocesse Bologna, Catania, Livorno, e le tre promosse Palermo, Empoli e Cesena. Beretta ha spiegato che si è trattato di un "risultato raggiunto grazie ad un lavoro di approfondimento fatto in questi giorni, un lavoro lungo anche per trovare la giusta condivisione" che ha permesso di trovare "un punto importante di consenso tra tutte le esigenze dei club e quelle dei consumatori e dei tifosi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata