Derby Lazio-Roma, Beretta: No tolleranza per violenti, orario concordato con forze ordine

Roma, 26 mag. (LaPresse) - "Non possiamo che ribadire una posizione espressa da molto tempo ovvero che dobbiamo contrastare questi fenomeni con grande determinazione, soprattutto andando ad identificare i responsabili e sanzionandoli in maniera drastica. Penso che non ci possa essere alcuna forma di tolleranza rispetto a questi fenomeni che danneggiano tutto il mondo del calcio, le società per prime, ed i tifosi per bene che sono la maggioranza". Lo dice il presidente della Lega Serie A, Maurizio Beretta, entrando in Consiglio Figc a Roma, in riferimento ai fatti occorsi nei dintorni dello Stadio Olimpico in occasione del derby Lazio-Roma di ieri.

"Penso che dobbiamo anche esprimere un sentito e non formale ringraziamento alle forze dell'ordine che hanno fatto un lavoro straordinario", aggiunge. Beretta parla poi degli ultras stranieri, a partire da quelli polacchi del Wisla Cracovia, in curva della Lazio. "Come abbiamo visto con i black bloc ed in alcune manifestazioni sportive, viviamo in una fase in cui gli spostamrnti sono ancora piu facili e ci sono alcune forme di globalzzazione che vanno valutate ed esaminate di fronte a questi fenomeni", aggiunge. "Ripeto - conclude - serve capacità di individuare i responsabili e sanzionarli in maniera esemplare".

Gli incidenti occorsi ieri in occasione del derby Lazio-Roma allontanano la possiblità che la stracittadina romana torni a disputarsi di sera. Si fa invece avanti l'idea di far giocare i prossimi confronti fra romane sempre la domenica alle 12. "Purtroppo il segnale di ieri è di nuovo molto negativo - dice il presidente della Lega A, Maurizio Beretta - devo dire anche il derby di ieri è stato concordato in orario diurno con le forze dell'ordine e con le autorita per questioni di sicurezza. Tutto questo ci deve spingere ad una battaglia senza quartiere contro queste forme di pura delinquenza criminale che vanno stroncate".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata