De Laurentiis: Napoli non è ancora matura per lo scudetto. Balotelli-Lavezzi? Non ci servono

Napoli, 2 gen. (LaPresse) - Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, chiude le porte al ritorno di Ezequiel Lavezzi. "E a che servirebbe? Siamo copertissimi in attacco, tra un paio di mesi rientra anche Insigne", chiarisce il patron in un'intervista al 'Mattino'. "Si dimentica che Lavezzi ha uno stipendio di 4,5 milioni netti all'anno e che soprattutto è stato lui a voler lasciare il Napoli: lo decise nel 2011 e noi gli chiedemmo di restare ancora un anno, nel 2012 è passato al Paris St. Germain. A volte i procuratori dei calciatori si divertono a tirare fuori il nostro nome, ma noi non c'entriamo né con Lavezzi né con Balotelli".

Questione scudetto: il patron ammette di aver "sbagliato a parlare di tricolore. L'obiettivo del Napoli è essere competitivi sempre. Prima o poi lo scudetto arriverà, ma non perché arriveranno uno o due giocatori. Si vince quando c'è un fronte unico composto da squadra, società e tifoseria. Lo scudetto ci sarà quando l'ambiente sarà maturo". De Laurentiis giudica comunque "positivo" il 2014 della squadra: "Abbiamo mantenuto una società con i conti in ordine ed è contemporaneamente proseguito il processo di crescita. Il Napoli è la sola squadra italiana ad aver vinto due trofei nell'anno solare ed eravamo reduci da una straordinaria Champions", sottolinea. "Abbiamo chiuso lo scorso campionato al terzo posto e siamo ora nelle prime posizioni. I conti vanno fatti alla fine: noi siamo un po' come quel ciclista che fora una gomma e riparte in ritardo, c'è tempo per recuperare, le tappe del campionato sono 38 e non siamo neanche a metà del cammino".

L'obiettivo del 2015 è invece quello di "crescere. Restare competitivi in campionato, Europa League e Coppa Italia dopo aver festeggiato la Supercoppa. In campionato c'è già un distacco rispetto a Juventus e Roma, ma andiamo avanti con fiducia. Con l'obiettivo di vincere tutte le partite e senza avere paura di nessuno, come dice Benitez". Proprio sul tecnico e sul suo futuro, il patron del Napoli spiega: "Il suo contratto era di due anni, mi auguro che voglia restare perché dare continuità a un progetto tecnico e societario è la soluzione migliore. Sapremo tutto tra qualche mese. Ma una cosa - precisa - è certa: la mentalità internazionale, che io ho voluto proporre affidando la guida della squadra a Benitez, non cambierà, proseguiremo su questa linea che è diventata un nostro principio".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata