Roland Garros e Classiche Nord abdicano.  Wimbledon e Tour tremano
Roland Garros e Classiche Nord abdicano. Wimbledon e Tour tremano

Valanga di rinunce, rinvii e slittamenti. Lo sport tutto contagiato dal coronavirus

 Wimbledon e il Tour de France. Sono i due appuntamenti storici che, ultimi baluardi al coronavirus, al momento resistono alla valanga di rinunce, rinvii, slittamenti in serie che stanno colpendo tutti i principali tornei e gare sportive dei prossimi mesi. Anche il Giro d'Italia ha subito scossoni con l'annullamento delle prime tre tappe ed ora è alla disperata ricerca di una nuova partenza e una nuova data per tenere viva la corsa rosa e non lasciare a piedi tifosi e appassionati. Proprio il ciclismo oggi ha subito un serie di colpi al cuore con la cancellazione delle principali classiche del Nord, dalla Liegi-Bastogne-Liegi alla Parigi-Roubaix passando per il la Freccia Vallone che vanno ad aggiungersi alla rinuncia del Giro delle Fiandre. Uno stop che sgonfia le ruote dei principali team e dei suoi protagonisti aggrappati ora alla speranza di sopravvivenza delle grandi corse a tappe (Vuelta inclusa).

 Anche per gli amanti del tennis evapora, a causa dell'imperversare del Covid 19, un altro evento di cartello come il Roland Garros. Gli organizzatori e la stessa federazione francese di tennis (Fft) hanno deciso pero di non arrendersi facendo slittare l'edizione 2020 di Roland-Garros al 20 settembre (fino al 4 ottobre). Il 18 maggio (data programmata come da calendario) era infatti considerata una data troppo 'pericolosa' e vicina per sperare in un ritorno alla normalità. Ma i progressi fatti nella modernizzazione hanno spinto la Fft a non cancellare il torneo per quest'anno. Dopo lo stop a Indian Wells e la cancellazione delle Masters Series di Montecarlo si teme molto adesso anche per la 'tenuta' degli Internazionali d'Italia, a Roma dal 4 al 17 maggio, così come del celebre torneo londinese in programma dal 29 giugno al 12 luglio che ha però il vantaggio di svolgersi tra oltre tre mesi. Si profila dunque una primavera e una estate senza grandi contenuti agonistici. Anche perchè continua la pioggia delle rinunce e degli stop. Tutto fermo in Russia (dall'hockey su ghiaccio al basket) così come in Argentina (sospeso il campionato di calcio), in un susseguirsi di "congelamenti". E persino il calendario dell'atletica viene stravolto. Sospese le prime tre tappe della stagione 2020 della Diamond League, concorso itinerante mai così in bilico. Niente meeting del 17 aprile in Qatar, così come quelli del 9 e del 16 maggio in Cina. Al momento il Golden Gala del 28 maggio in programma a Napoli è salvo. Lo slittamento del campionato europeo di calcio potrebbe consentire all'Olimpico di Roma di 'riapproriarsi' del suo appuntamento, che era stato trasferito nel capoluogo campano. Ma il futuro resta quantomai incerto. E ipotizzare programmi è ancora troppo presto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata