Conte: Vittoria importante, bel mattoncino per lo scudetto

Milano, 30 mar. (LaPresse) - "E' sicuramente un grandissimo risultato contro una squadra forte che aveva dimostrato di esserlo contro di noi al'andata o nel derby contro il Milan". Così Antonio Conte ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria della Juventus in casa dell'Inter. "Siamo cresciuti sotto tutti i punti di vista. Sono contento - prosegue - perchè i ragazzi erano sul pezzo, hanno fatto una buona partita contro un avversario di grande valore". Un successo che avvicina sempre di più i bianconeri allo scudetto: "Abbiamo messo un bel mattoncino, vediamo il traguardo ma sappiamo che mancano ancora otto partite e bisogna stare sempre con il piede accelerato perchè ci sono squadre come Napoli e Milan che non vedono l'ora di un nostro passo falso".

Ancora Conte sulla prestazione dei suoi ragazzi: "La Juventus vista oggi è una squadra che ha vinto contro una grande del campionato. Per me questa era una partita con la P maiuscola". Juventus che ora può concentrarsi sul quarto di finale di Champions League contro il Bayern Monaco. "Andiamo a Monaco con grande entusiasmo e serenità, sapendo di aver fatto il nostro dovere in campionato. Vogliamo cullare il nostro sogno, afforntiamo una squadra molto forte. Deve essere qualcosa di bello, di entusiasmante per capire a che livello siamo nell'elite Europea. Dobbiamo giocare senza paure e assilli, in Italia abbiamo capito che siamo sulla strada giusta. In Europa vogliamo misurarci con le grandi per capire qual'è il gap che ci divide". Per quanto riguarda la formazione da schierare a Monaco, Conte dà qualche indizio: "Proveremo a fare una squadra un po' più fisica, perchè il Bayern ha diversi giocatori alti e vediamo". Infine sui gol di Matri e Quagliarella: "Nessuno ha fatto ruotrare gli attaccanti come la Juventus. Giovinco, Matri, Vucinic e Quagliarella hanno giocato tante partite e tutti hanno giocato gare importanti, non c'è prelcusione da parte di nessuno. Io mi fido dell'occhio che spesso nom mi tradisce".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata