Conte: Tutto è ancora in mano nostra. Allegri: Ci sarà da divertirsi

Torino, 2 mag. (LaPresse) - "Questo è il calcio. Ci sono già stati episodi del genere in passato ed oggi è toccato a noi. Dispiace ma ci sta perché è un occasione ulteriore di crescita per il gruppo. Tutto è ancora in mano nostra per coronare questo sogno". Così il tecnico della Juventus, Antonio Conte dopo l'incredibile pareggio interno contro il Lecce.

Conte difende comunque Buffon: "E' stato un infortunio. Come capita di sbagliare alcuni gol ci sta anche un infortunio del portiere ma Gigi sta facendo una stagione straordinaria", ha detto il tecnico bianconero.

"Ad inizio campionato avremmo messo 100mila firme per arrivare a questo punto - ha aggiunto - ma oggi potevamo mettere una seria ipoteca. Non è successo e bisogna guardare avanti pensando che questo gruppo sta facendo cose straordinarie. Se saremo bravi a vincere queste ultime due partite vorrà dire che ci siamo meritati lo scudetto", ha concluso.

Di tutt'altro umore Max Allegri dopo la vittoria del Milan sull'Atalanta: "Vedendo giocare la Juve nelle ultime 8 partite era difficile pensare che la Juve potesse fallire in casa ma il calcio è bello per questo. Siamo contenti per quello che è successo ma non è ancora successo niente", ha aggiunto.

"A 5' dalla fine il discorso scudetto era praticamente chiuso, ora è ancora in mano loro però domenica sarà una bella serata e se saremo bravi e la Juve invece farà un altro passo falso allora le cose possono essere ribaltate", ha detto ancora Allegri. "Noi ci abbiamo sempre creduto - ha aggiunto - ed i ragazzi lo hanno dimostrato. Il derby? L'ambiente sarà carico perchè l'Inter si gioca il terzo posto e noi lo scudetto", ha concluso Allegri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata