Conte: Scudetto vicino, Vidal resta. Elkann: Bravi società e tecnico

Roma, 15 apr. (LaPresse) - "Questa sera abbiamo ottenuto un ottimo successo, abbiamo conquistato altri tre punti che ci avvicinano allo scudetto". Così Antonio Conte ai microfoni di Sky Sport al termine della partita vinta dalla Juve in casa della Lazio. Tornando all'eliminazione in Champions contro il Bayern Monaco, il tecnico bianconero ha ribadito: "Nessuno è andato in depressione. Abbiamo disputato una grande Champions arrivando tra le prime otto squadre in Europa, siamo inoltre a un passo dal secondo scudetto. Non c'è motivo per abbattersi dopo l'eliminazione contro una big come il Bayern Monaco". E a proposito di Bayern, Conte non ha alcuna intenzione di cedere Vidal ai tedeschi. "Il Bayern ha dimostrato di essere forte, non ha bisogno di ulteriori rinforzi (ride, ndr). Se vogliamo costruire una squadra importante - spiega - bisogna trattenere gli elementi migliori, privarmi di qualche mio calciatore sarebbe dura".

Passando a parlare della partita, Conte spiega la decisione di schierare un modulo con un solo attaccante: "Sapevo che Marchisio potesse giocare bene in quella posizione, insieme a Vucinic si intende a meraviglia. Non dimentichiamo che Matri e Quagliarella hanno fatto bene in Italia e in Europa. Il modulo non è cambiato, abbiamo espresso quello che abbiamo studiato questa settimana". Quindi Conte respinge l'ipotesi di una Juve stanca e debito d'ossigeno. "Assolutamente no, abbiamo affrontato una squadra forte. In Champions - ricorda - abbiamo avuto l'occasione di capire a che punto siamo. Siamo arrivati tra i primi otto club in Europa grazie alla società e ai miei calciatori, la mia è una squadra composta da ragazzi straordinari". Anche oggi una grande prova di Vucinic. "Anche Marchisio ha disputato un'ottima gara - ribatte Conte - è stato bravissimo a interpretare il suo ruolo. Entrambi si sono trovati a meraviglia perché sono elementi di grande qualità". Infine si torna sul mercato. "Parlarne ora non è corretto nei riguardi dei calciatori che ho a disposizione. I ragazzi sono eccezionali, sarò sempre grato a loro e me li tengo stretti", conclude.

IL PLAUSO DI ELKANN.
"Mi ha fatto particolarmente piacere vedere la Juventus Fc vincere lo scudetto di Serie A nel maggio del 2012, arrivando cosi a contare 30 vittorie sul campo. Cosa che rende la Juve la squadra che ha vinto di piu in Italia, e di parecchio. Il nostro applauso va ad Andrea (Agnelli, ndr), ai vertici del club, all'allenatore e ai giocatori: hanno lavorato in modo splendido per costruire un'impareggiabile mentalità vincente, che e la vera forza di questa società". Lo ha affermato John Elkann nella lettera agli azionisti di Exor. "Senza dimenticare ovviamente - ha aggiunto - il prezioso sostegno dei tifosi, soprattutto nel nuovo stadio della Juventus (dove la squadra ha giocato per l'intera stagione 2011-2012 senza mai perdere una sola partita...). La sfida resta quella di trasformare le buone notizie del campo in migliori risultati finanziari".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata