Conte: Nazionale ha tempo per colmare gap. El Shaarawy? Decida se vuole essere campione

Milano, 5 nov. (LaPresse) - "In questo momento siamo dietro a nazionali che stanno facendo meglio di noi, come Germania, Spagna, Olanda, Belgio e Francia". Lo ha detto il ct azzurro Antonio Conte, tracciando un quadro della situazione della Nazionale azzurra nel corso della presentazione della partita Italia Croazia, valida per le qualificazioni ai campionato Europei, che verrà disputata il 16 novembre a San Siro. "Veniamo da una cocente delusione e abbiamo preso coscienza dei gravi problemi del calcio italiano - ha aggiunto Conte a Palazzo Marino - però sappiamo che abbiamo tempo per colmare il gap. Ora la cosa importante è qualificarsi all'Europeo e in quel mese in Francia fare qualcosa di straordinario".

EL SHAARAWY - "El Shaarawy è un giocatore molto giovane ma sta a lui decidere se essere un grande calciatore o un giocatore normale. Ha tutte le caratteristiche per lasciare il segno a livello calcistico in Italia e all'estero - ha aggiunto Conte - è un giocatore su cui noi puntiamo e soprattutto punta il Milan del mio amico Inzaghi. È inevitabile che può e deve crescere".

CROAZIA - E' un momento "molto molto positivo per la Croazia" ma l'Italia è pronta ad affrontare "questa Nazionale molto molto importante, reduce da un mondiale e che ha già delle certezze, "Noi ci stiamo ricostruendo - ha proseguito - ma è giusto che questa sfida arrivi un questo momento per me è i miei ragazzi". Nella formazione dell'Italia potrà esserci "qualche volto nuovo", ha aggiunto Conte. Le convocazioni saranno "corpose" e decise "in base alle prestazioni", ha sottolineato Conte, visto che dopo la partita con la Croazia, martedì 18 novembre verrà disputata l'amichevole conto l'Albania e in campo non potranno essere schierato gli stessi giocatori. Con la maglia azzurra giocheranno quindi sia giocatori che hanno già giocato in Nazionale ma anche "giocatori papabili" che sono stati oggetto di osservazione da parte di Conte e del suo staff.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata