Conte: Juve tosta, Inter può ambire a campionato di vertice. Turnover? Lo farò al momento opportuno

Milano, 14 set. (LaPresse) - "L'Inter credo che possa ambire a fare un campionato di vertice, ed è stato confermato che la Juventus è una squadra tosta, dura da sconfiggere. Penso che questo sia uscito dalla partita". Queste le prime impressioni di Antonio Conte dopo il pareggio per 1-1 contro l'Inter nella gara valida per la terza giornata di Serie A. "Ci aspettano sette partite in un mese, lì quantificheremo la nostra vera forza. Ho visto una squadra che ha giocato un'ottima partita su un campo difficile, contro una squadra che ha tutto per competere fino alla fine visto che non hanno la Chmapions, possono lavorare benissimo in settimana e avranno meno infortuni". Antonio Conte è consapevole che la sfida pareggiata con l'Inter rappresenti la prima tappa di un lungo tour de force che vedrà i bianconeri impegnati sette volte in un mese. "Mi è piaciuto l'impegno e la volontà di difendere, magari nella seconda parte del secondo tempo avremmo dovuto usare un po' di più la testa - ha evidenziato il tecnico campione d'Italia - qualcuno ha pagato le conseguenze degli impegni delle nazionali quando ha iniziato a essere il 20' del secondo tempo. Icardi? E' un buonissimo giocatore ogni volta che vede la Juventus fa gol, complimenti a lui, noi dovremo fare più attenzione la prossima volta". A proposito di Lichtsteiner, sostituito nell'intervallo, Conte ha spiegato che il cambio "era legato esclusivamente all'ammonizione, aveva subito un giallo un po' generoso, poi c'è stato un rischio con un quasi contatto - ha ammesso l'allenatore della Juventus - In queste situazioni c'è l'esperienza dell'ex giocatore, anzi ho aspettato fino al 45' perché pensavo di sostituirlo già al 38'".

"Il turnover si farà quando sarà opportuno, se sarà opportuno farlo in Champions lo faremo lì, oppure lo faremo con il Verona. In una partita contro l'Inter non penso mi sarei mai sognato si fare il turnover, visto che è la prima partita e ce ne sono altre sei in cui dobbiamo gestirci. In queste partite vedremo la vera forza della Juventus". Antonio Conte ha risposto così in conferenza a chi gli chiede se è intenzionato a ricorrere al turnover in occasione delle prossime sfide in programma con il Copenaghen in Champions League e con l'Hellas Verona in campionato. "Confido molto nei ragazzi che magari hanno giocato di meno - ha proseguito l'allenatore della Juventus ai microfoni di Sky - Quagliarella? Fabio sta molto bene, penso abbia una condizione fisica e tecnica migliore da quando sono io alla Juventus. Lo vedo in buona condizione, si allena alla grande a e lo tengo in considerazione, nessuno ha una corsia preferenziale". A proposito di Fernando Llorente invece, rimasto in panchina anche contro i nerazzurri, Conte ha spiegato che "si sta allenando bene, lui è un anno che non giocava, adesso sta rientrando nella norma, lo seguo con attenzione. Devo essere bravo, avere la coscienza a posto e mettere il giocatore nel momento in cui lui possa fare bella figura. Se devo sacrificarlo per voi, faccio male a lui e male a noi". In chiusura una battuta sull'arbitraggio. "Penso che oggi gli arbitri abbiano arbitrato nella maniera giusta - ha evidenziato - faccio i complimenti, penso sia stato un davvero un buon inizio di campionato per la classe arbitrale".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata