Conte: Grazie a nazionale mi sento allenatore più completo

Dubai (Emirati Arabi Uniti), 28 dic. (LaPresse) - "Il mio rammarico come selezionatore è di non riuscire a incidere come vorrei, ma mi sento un allenatore molto più completo. Ho imparato a ottimizzare in pochi giorni il lavoro che magari in un club si fa in un mese". Lo ha detto il ct della nazionale italiana Antonio Conte durante il workshop in svolgimento nella decima edizione del 'Dubai International Sports Conference'. "Non bastano carisma o personalità, penso ci vogliano delle componenti importanti - ha proseguito parlando della figura del tecnico - Un allenatore deve riuscire a migliorare il calciatore, a creare una squadra perché personalmente c'è bisogno di giocatori bravi però vince sempre la suqadra, il noi, non vince l'io. Anche in nazionale ci sono stati esempi abbastanza eclatanti. Mi riferisco alla Danimarca e alla Grecia, a testimonianza che non sempre vince il più forte", ha ricordato l'ex allenatore della Juventus.

"C'è un allenatore che decide per il bene comune, che stride un po' con il singolo. Penso che per noi sia molto importante essere credibile in tutto quello che fa, sia da un punto di vista tattico sia nei comportamenti, sia nel riprendere tra virgolette il campione che il giovane che viene dal vivaio", ha precisato Conte. "Al di là dell'energia bisogna riprendere i giocatori con la coerenza, che non deve mai mancare - ha proseguito l'ex tecnico della Juventus - Oltre che dai calciatori siamo giudicati anche dallo staff, il magazziniere. Ci vuole tanto per costruire un'immagine e una credibilità e non ci vuole niente per perderla".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata