Conte: Abbiamo piccolo vantaggio, cerchiamo gol qualificazione. Arbitri italiani migliori al mondo, vanno rispettati

Trebisonda (Turchia), 26 feb. (LaPresse) - "Il 2-0 è un buon risultato, nelle due partite quando in casa riesci a vincere 2-0 non subendo gol è importante, abbiamo un piccolo vantaggio". Così il tecnico della Juventus Antonio Conte in conferenza stampa ha presentato la gara di ritorno con il Trabzonspor valida per i 16/i di finale di Europa League. "Sappiamo però che affronteremo una squadra che sarà spinta da 25000 tifosi, ci sarà un ambiente caldo, ma noi siamo preparati, non è la prima volta che disputiamo questo tipo di partite - ha aggiunto - Abbiamo un grandissimo rispetto per il Trabzonspor. Cercheremo di fare la partita, troviamo un avversario che davanti ha grande qualità, però abbiamo voglia di fare la partita, non verremo di certo a difendere il risultato, sapendo che facendo un gol la strada per la qualificazione sarebbe in discesa".

Reja ha spiegato poi che tipo di partita tenterà di fare la sua squadra. "Non possiamo rimanere in attesa - ha ammesso - Qui devi cercare di imporre il tuo gioco, almeno questa è la nostra intenzione, togliendo l'iniziativa a loro, che hanno un ottimo possesos palla. Noi dovremo cercare di rubare palla e ripartire, provando a sbloccare possibilmente il risultato già nel primo tempo".

"Gli arbitri italiani sono i migliori al mondo, dobbiamo rispettare il loro operato. Ho grande rispetto per loro e nel lavoro di Braschi e Nicchi", ha aggiunto Conte sulla questione degli arbitri, molto contestati nell'ultimo turno di campionato dopo i fatti di Firenze e del derby di Torino. "Ve lo dice uno che ha sbagliato in maniera grossolana l'anno scorso quando a Genova sono andato a protestare perché al 94' a mi avviso non ci era stato concesso un rigore - ha ammesso l'allenatore della Juventus - E' stato un momento in cui sicuramente non mi sono piaciuto, mi sono scusato e da allora ho cambiato totalmente atteggiamento nei loro confronti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata