Confederations Cup, capitano Uruguay accusa Neymar: E' un abile simulatore

Belo Horizonte (Brasile), 26 giu. (LaPresse/AP) - Alla vigilia della semifinale della Confederations Cup, il capitano dell'Uruguay Diego Lugano ha accusato Neymar di essere un simulatore e di ingannare gli arbitri. Nelle tre partite vinte dal Brasile nella fase a gironi, Neymar si è procurato ben 18 calci di punizione ma ha anche commesso 13 falli.

"Sono preoccupato per i contatti con Neymar, è molto leggero e cade spesso a terra ingannando arbitri e avversari", ha risposto Lugano in conferenza stampa a chi gli chiedeva se secondo lui l'asso brasiliano non fosse un po' troppo protetto dagli arbitri. L'esperto capitano della Celeste ha voluto mandare un messaggio preciso ad Enrique Osses, l'arbitro della partita in programma questa sera nello stadio Mineirao di Belo Horizonte.

"Neymar è capace di fingere di aver subito fallo e dobbiamo stare attenti a non farci ingannare dalla sua abilità", ha rincarato la dose il difensore di proprietà del Paris Saint-Germain. Parlando della partita di questa sera, Lugano ha detto che il Brasile ha messo da parte la sua tradizionale ricerda del 'bel calcio' in favore della forza bruta pur di vincere la prossima Coppa del Mondo che giocherà in casa. "Il Brasile ha abbandonato il 'Joga bonito' - ha dichiarato l'ex difensore del San Paolo - per metterla molto di più sul piano fisico". "Ho giocato in Brasile e il calcio brasiliano è fisicamente molto duro, forse il più difficile in Sud America. Più di quanto si creda", ha concluso Lugano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata