Ackermann trionfa a Terracina
Ackermann trionfa a Terracina
Giro d'Italia, a Terracina vince ancora il tedesco Ackermann

Seconda vittoria di tappa per il velocista teutonico. Battuto Gaviria. Corsa neutralizzata a 9 km dalla fine per evitare problemi ai big. Si è ritirato Tom Dumoulin. Roglic conserva la maglia rosa

Il tedesco Pascal Ackermann vince in volata la quinta tappa del Giro d'Italia, la Frascati-Terracina di 140 chilometri che ha avuto, come "mossiere" d'eccezione, il premier Giuseppe Conte che, questa mattina, è salito ai Castelli Romani per dare il via alla corsa rosa. Ackermann (seconda vittoria al Giro) ha battuto di un niente, il colombiano Gaviria. Volata un po' strana con i due principali contendenti che hanno rischiato di andare a sbattere con l'ultimo uomo del treno di Demare. Il francese, comunque, si è classificato al terzo posto. Ecco l'ordine d'arrivo: Ackermann, Gaviria, Demare, Ewan, Moschetti, Gibbons, Simion, Biermans, Lonardi, Belletti. Fuori dai dieci Elia Viviani che, praticamente, non è riuscito a partecipare alla volata.

Il premier Giuseppe Conte ha dato il via alla tappa di oggi da Frascati

A Terracina, dunque, un'altra volata a ranghi compatti e con meno rischi per i big perché la corsa, annaffiata dalla pioggia e disturbata dal freddo per quasi tutti i 140 chilometri da Frascati alla cittadina balneare del Basso Lazio, è stata neutralizzata a 9,7 km dalla fine al primo passaggio sotto il traguardo. Così gli uomini di classifica si sono praticamente sfilati dal gruppo lasciando ai velocisti la questione della vittoria di tappa. Cosa, al di là di tutto, anche un po' discutibile perché la corsa è una sola e, qui, in pratica, è stata divisa in due. Ma negli occhi e nella mente di tutti c'era la faccia triste di Tom Doumolin che, questa mattina ha tentato di partire con gli altri. Il ginocchio duramente "abbottato" ieri nella caduta sulla strada che porta a Frascati, non ha retto e l'olandese ha lasciato il Giro di cui era uno dei favoriti.

Neanche a dirlo, lo sloveno Primosz Roglic ha conservato la maglia rosa di leader della corsa, Ackermann ha tenuto quella ciclamino (a punti) incrementando il suo vantaggio con la vittoria, Giulio Ciccone resta in maglia azzurra (montagna) e lo spagnolo Miguel Angel Lopez conserva quella bianca del miglior giovane del Giro. 

Ackermann - "Sono stato fortunato nel seguire Gaviria allo sprint, è stato un finale folle con tanta pioggia". Così Pascal Ackermann commenta ai microfoni della Rai la vittoria nella 5/a tappa del Giro d'Italia, la Frascati-Terracina di 140.0 km. "Ho seguito il mio compagno che è stato bravo ad aprirmi il varco per seguire poi Gaviria", aggiunge il tedesco della Bora Hansgrohe. Sulle difficili condizioni del tempo che in qualche modo lo hanno favorito, vista la possente struttura fisica, Ackermann ammette: "Si è vero sono molto forte e più pesante, ma oggi sono stato anche fortunato. Faceva mlto freddo ed è stata una giornata durissima".

Viviani - "A un km dalla fine ci abbiamo provato, la strada era allagata e pensavano che andare davanti fosse la scelta migliore. Invece Ackermann e Gaviria sono arrivati da dietro troppo forte e per un piazzamento era una guerra. Bisogna sempre capire fino a dove è giusto rischiare". Così Elia Viviani intervenuto ai microfoni della Rai commenta la sua volata nella 5/a tappa del Giro d'Italia. Tornando sul declassamento di due giorni fa a Orbetello, lo sprinter azzurro aggiunge: "Prendendo il regolamento alla lettera era giusta la squalifica. Ma non l'ho fatto volontariamente. A detta di tutti miei avversari non dovevo essere declassato, mi dispiace perchè non è mai bello ma bisogna accettarlo".

Domani la sesta tappa, la Cassino-San Giovanni Rotondo di 233.0 km con il punto più a Sud di questo 102esimo Giro d'Italia. 

L'ordine di arrivo della 5/a tappa del Giro d'Italia, la Frascati-Terracina di 140.0 km.
1. Pascal Ackermann (GER/Bora) 3h27'05";
2. Fernando Gaviria (COL/UAE) s.t.;
3. Arnaud Démare (FRA/FDJ) s.t.;
4. Caleb Ewan (AUS/LOT) s.t.;
5. Matteo Moschetti (ITA/TRE) s.t.;
6. Ryan Gibbons (RSA/DDT) s.t.;
7. Paolo Simion (ITA/BAR) s.t.;
8. Jenthe Biermans (BEL/KAT) s.t.;
9. Giovani Lonardi (ITA/NIP) s.t.;
10. Manuel Belletti (ITA/AND) s.t..
49. Vincenzo Nibali (ITA/BAH) s.t.;
61. Primoz Roglic (SLO/JUM) s.t.

La classifica generale del Giro d'Italia dopo la 5/a tappa, la Frascati-Terracina di 140.0 km.
1. Primoz Roglic (SLO/JUM) in 19h35'04";
2. Simon Yates (GBR/MIT) + 0'35";
3. Vincenzo Nibali (ITA/BAH) + 0'39";
4. Miguel Angel Lopez (COL/AST) + 0'44";
5. Diego Ulissi (ITA/UAE) s.t.;
6. Rafal Majka (POL/BOR) + 0'49";
7. Bauke Mollema (NED/TRE) + 0'55";
8. Damiano Caruso (ITA/BAH) + 0'56";
9. Bob Jungels (LUX/DEC) + 1'02";
10. Davide Formolo (ITA/BOR) a 1'06".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata