Adriatica Ionica Race, finalmente Evenepoel: Padun ancora in Maglia azzurra
Adriatica Ionica Race, finalmente Evenepoel: Padun ancora in Maglia azzurra

Nella penultima tappa il giovane fuoriclasse belga trova la prima vittoria in Italia da professionista. Bella prova di Masnada che resta a lungo in fuga, . L'ucraino rimane in testa alla classifica e domenicai dovrà difendersi dagli ultimi attacchi (la gara, dalle 16, su LaPresse)

Il lampo del giovane più atteso. Al quarto tentativo, Remco Evenepoel conquista il primo successo in Italia da professionista vincendo la penultima tappa dell'Adriatica Ionica Race, ottavo appuntamento della Ciclismo Cup. Tra le montagne del Friuli-Venezia Giulia il diciannovenne belga, indicato da molti come il prossimo dominatore del ciclismo mondiale, ha mostrato tutto il proprio talento e, con un'azione prepotente, ha recuperato la fuga di giornata e vinto con più di due minuti di vantaggio in soli 30 km. "Non pensavo di farcela. In realtà volevo correre la tappa assieme al mio compagno di squadra Philippe Gilbert. Ho cercato di guidare prima l'inseguimento, poi l'attacco, ma Fausto Masnada non collaborava e appena la strada è tornata a salire l'ho staccato, guadagnando anche parecchio in classifica generale", ha dichiarato Evenepoel al termine della gara. Proprio Masnada, scappato nei primi km, è stato in fuga fino a poco dall'arrivo, ma niente ha potuto contro il ritorno del belga, nel finale.

Nulla varia in testa alla classifica generale, con Mark Padun che comanda ancora con 6" di vantaggio su Ben Hermans. L'unico vero cambiamento è il salto in avanti di Evenepoel, ora sesto a 46" dall'ucraino, che difficilmente, però, potrà impensierire nella lotta per la Maglia azzurra. Primo degli italiani è Nicola Conci della Trek-Segafredo, settimo con un ritardo di 1'17" dalla vetta della classifica, che ha disputato un'ottima Adriatica Ionica, dimostrando di avere le potenzialità per diventare un valido elemento del ciclismo italiano.

Domenica l'ultima giornata, con una tappa di 133,5 km da Cormons a Trieste in cui le squadre lavoreranno per i velocisti e che difficilmente porterà a ribaltamenti in testa alla classifica. Lo stesso Padun si è detto molto sicuro di poter mantenere la Maglia azzurra. Come sempre, appuntamento su Lapresse, alle 16, per la trasmissione della tappa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata