Chiellini: Juve dev'essere un martello, obiettivo primi 3 posti

Torino, 23 nov. (LaPresse) - "Vogliamo rosicchiare altri punti a chi ci è davanti: il gruppetto di testa viaggia spedito e noi dobbiamo essere un martello per risalire piano piano". Giorgio Chiellini, difensore della Juventus, carica così i compagni impegnati nella 'remuntada' in campionato. "Non dobbiamo scordarci che l'obiettivo primario è rientrare nei primi tre posti", ha spiegato il giocatore ai microfoni Sky e Mediaset. "E mercoledì abbiamo un primo match ball in casa, per quanto riguarda la Champions: l'obiettivo primario sarebbe passare il turno già contro il City".

Chiellini è tornato sulla vittoria di sabato sera contro il Milan: "Abbiamo fatto una buona partita da tutti i punti di vista, con una buona fase difensiva da parte di tutta la squadra. Siamo stati bravi a concedere molto poco nonostante non abbiamo fatto la miglior partita dell'anno, si è visto uno spirito giusto". "Dobbiamo lavorare per migliorare bene entrambe le fasi - ha continuato il bianconero nella sua analisi - per arrivare in alto e dare continuità di risultati. Sabato bravi a fare una fase difensiva collettivamente ottima, ora dobbiamo pensare ad inserire altri elementi non perdendo quanto di buono visto finora. Nella nostra posizione non possiamo parlare di scudetto, ma bisogna pensare di partita in partita". Il difensore ha tracciato poi un paragone tra il bomber di ieri, Tevez e quello di oggi, Dybala: "Li accomuna che sono argentini e sono venuti alla Juve uno di seguito all'altro, ma li vedo molto diversi", così Chiellini. "Paulo ha un tiro da fuori migliore di Carlitos, nonostante abbia fatto qualche gol da lontano. La capacità tecnica è forse superiore a Carlos, che parte da una carica agonistica e da un fisico devastante. La caratteristica primaria di quest'ultimo era mentale e fisica. Dybala però sta crescendo tanto, anche in allenamento e a livello di massa muscolare. Va lasciato tranquillo".

Tornando alla Champions, Chiellini ha dichiarato di non fidarsi del City travolto dal Liverpool in casa in Premier League: "Lo avrei preferito più tranquillo e sicuro: sarebbe stato più facile sfruttare l'occasione con loro rilassati, avendo già passato il turno. In questo momento invece saranno super vogliosi di riscatto, e dovremo fare una grande partita perchè abbiamo bisogno di staccare il pass per gli ottavi già mercoledì". Trovata continuità in campionato, non resta quindi "che confermarsi anche in Champions, dove c'è un coefficiente di difficoltà e dispendio di energie più alto", ha concluso il bianconero.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata