Champions League, Roma ko all'Olimpico contro Manchester City retrocede in Europa League

Roma, 10 dic. (LaPresse) - Finisce nei rimpianti l'avventura in Champions League della Roma. I 4 punti nelle prime due gare sembravano aver dato lo slancio ai giallorossi nel 'girone di ferro' comprendente anche Cska Mosca, Manchester City e Bayern Monaco. Niente di più sbagliato. Il 7-1 rimediato in casa contro i bavaresi ha tracciato un solco devastante nell'anima di Totti e comapgni. Da quel momento in avanti la Roma non ha più saputo vincere fallendo anche il match point in un Olimpico strapieno contro un Manchester City pur privo delle stelle Yaya Toure ed Aguero. Un 2-0 maturato nel secondo tempo dove i 'Citizens', da squadra compatta e sorniona quale sono hanno saputo capitalizzare una perla di Nasri chiudendo il discorso poi nei minuti finali con Zabaleta. Il futuro dei giallorossi si chiama Europa League quella che, Juve a parte, è ormai la 'coppa delle italiane' sempre più incapaci di rinverdire gli antichi fasti a livello internazionale. Un ulteriore campanello d'allarme per quel movimento che ha deciso di dare le chiavi della nazionale ad Antonio Conte, spettatore in tribuna al fianco del presidente del Coni (e tifoso giallorosso doc, ndr) Giovanni Malagò.

Rudi Garcia decide di lasciare fuori De Rossi dopo l'espulsione rimediata in campionato contro il Sassuolo mentre Pellegrini fa altrettanto con Jovetic lasciando ad Jesus Navas e Nasri il compito di supportare Dzeko in un attacco orfano della stella Aguero. L'atmosfera dell'Olimpico è quella delle grandi occasioni e la Roma si lascia trascinare. I primi dieci minuti sono tutti di marca giallorossa con Holebas che non scarta un cioccolatino servitogli da Totti mentre Gervinho conclude alto dopo una bella azione personale. Il City però ci mette poco a prendere le misure ai padroni di casa e la gara diventa decisamente più equlibrata. La Roma ha una grande occasione in contropiede al 20' ma Hart dice di no a Gervinho. L'equlibrio viene spezzato a tratti dalle giocate dei singoli come quando al 38' Nainggolan si inventa un lancio chilometrico sui piedi del solito Gervinho chiuso da Hart. Poi tocca a De Sanctis dire di no a Milner presentatosi uno contro uno con l'estremo giallorosso.

Dopo la pausa il City scende in campo con la consapevolezza di dover segnare. Se la squadra di Pellegrini si mostra abile nella manovra è la Roma a rendersi pericolosa con una conclusione di Pjanic sulla quale Hart deve impegnarsi nella respinta a terra. Sembra il preludio per un ritorno in auge della squadra di Garcia ma, improvvisamente, la Roma viene colpita al cuore. Destro al fulmicotone di Nasri dal limite dell'area che impatta sul palo interno e si insacca in rete. E' il 15' della ripresa e sull'Olimpico cala lo sconforto. Garcia si gioca la carta Iturbe, a fargli posto Ljajic che chiude la sua gara con una conclusione alta da buona posizione. A 20' dal termine l'allenatore transalpino toglie anche Totti preferendogli il maggiore peso specifico di Destro. Anche la Dea bendata si mette di traverso ai giallorossi che nel giro di un minuto colpiscono un palo con Manolas di testa ed un salvataggio sulla linea ad opera di Demichelis su tocco ravvicinato da parte di Destro. Florenzi per Maicon è l'ultima disperata mossa di Garcia mentre il suo omologo alla guida del City sacrifica il prezioso lavoro di Dzeko per la velocità di Jovetic. Niente si modifica perchè la Roma non riesce più a cambiare passo mentre Nasri, il mugliore in campo, pennella un assist perfetto per l'inserimento di Zabaleta che fa 'game-set-match' Manchester City. I tifosi giallorossi provano consolarsi cantando 'Vinceremo il tricolor'. Se la battaglia scudetto è ancora apertissima quella per rappresentare l'ex grande Italia nell'Europa degli attuali big però è già stata vinta dalla Juventus.

ROMA - MANCHESTER CITY 0-2

RETI: 15'st Nasri, 41'st Zabaleta.

ROMA: De Sanctis, Maicon (32'st Florenzi), Manolas, Yanga Mbiwa, Holebas, Nainggolan, Keita, Pjanic, Ljajic (21'st Iturbe), Gervinho, Totti. A disposizione: Curci, Strootman, De Rossi, Astori. All: Garcia.

MANCHESTER CITY: Hart, Zabaleta, Demichelis, Mangala, Clichy, Fernando, Fernandinho, Milner, Jesus Navas (21'st Silva), Nasrin(43'st Kolarov), Dzeko (32'st Jovetic). A disposizione: Caballero, Sagna, Lampard, Boyata.

All: Pellegrini.

Arbitro: Milorad Mazic (Serbia).

Note. Ammoniti: Yanga Mbiwa (R), Dzeko (M), Nasri (M).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata