Champions League, Robben: Bel gioco della Roma è anomalo per una squadra italiana

Roma, 20 ott. (LaPresse) - "Per noi saranno due sfide difficili sia all'andata che al ritorno. La Roma gioca il miglior calcio in Italia. Sono due sfide interessanti, siamo pronti e felici di giocarle. Per noi saranno un test importante per capire a che punto siamo". Lo dice l'attaccante del Bayern Monaco, Arjen Robben, nella conferenza stampa di presentazione del match di Champions League fra giallorossi e bavaresi in programma domani allo Stadio Olimpico. "La Roma non è una sorpresa - aggiunge l'olandese - Non è normale il calcio che gioca per l'Italia. Questa sensazione della vigilia di vedere noi ed il Manchester City favorite nel girone è perché la Roma è assente da questa competizioje da un paio di anni ma è un girone dove può succedere di tutto. Noi siamo primi nel girone ma le insidie sono dietro l'angolo. La Roma ha ottime qualità sia in attacco che in difesa". Robben chiarisce poi la sua dichiarazione estiva quando, dopo l'arrivo di Benatia ai bavaresi, aveva detto di non conoscere le caratteristiche del difensore marocchino: "Ora che abbiamo giocato insieme ho una grande impressione di lui - conclude - è veloce, forte. E' quello che ci serviva e ci darà una mano".

MULLER - "Totti è una leggenda della Roma ed a livello mondiale è una figura importantissima per il calcio. Lo conoscono ovunque. Nonostante la sua fama ed il suo eco mediatico, comunque, noi vogliamo vincere contro di lui. Siamo contenti di affrontare una squadra che gioca a viso aperto e non si difende e basta", così Thomas Muller. "Rispetto all'ultima sfida con la Roma (23 novembre 2010 e vittoria 3-2 dei giallorossi in rimonta, ndr) noi siamo un'altra squadra con nuovi giocatori ed un nuovo allenatore. Andiamo avanti con il nostro progetto di gioco". Infine una battuta sull'incontro con il Papa previsto per il giorno successivo. "E' un grande onore per noi incontrare il Papa - dice - sarà emozionante incontrarlo ma noi siamo qui per la partita e siamo concentrati su questo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata