Champions League, Juve trova Borussia Dortmund. Negli ottavi anche Psg-Chelsea e City-Barça

Nyon (Svizzera), 15 dic. (LaPresse) - La Juventus affronterà il Borussia Dortmund negli ottavi di finale della Champions League. La Juventus giocherà in casa la gara di andata il 17/18 o il 24/25 febbraio, per poi giocare in trasferta il ritorno il 10/11 o il 17/18 marzo.

Juventus-Borussia Dortmund evoca purtroppo memorie non belle per i tifosi bianconeri ripensando alla finale del 1997, quando le due compagini si affrontarono a Monaco di Baviera. All'Olympiastadion decisero la doppietta di Karl-Heinz Riedle (autore proprio del sorteggio odierno) e il gol del nuovo entrato Lars Ricken, che ragalarano ai tedeschi uno stroico successo per 3-1 contro la squadra allenata allora da Marcello Lippi. La Juventus batté invece il Borussia Dortmund nella finale di Coppa Uefa nel 1993 con un netto 6-1 tra andata e ritorno.

Questo il quadro degli ottavi di Champions League dopo il sorteggio di Nyon: Paris Saint-Germain-Chelsea, Manchester City-Barcellona, Bayer Leverkusen-Atletico Madrid, Juventus-Borussia Dortmund, Schalke 04-Real Madrid, Shakhtar Donetsk-Bayern Monaco, Arsenal-Monaco, Basilea-Porto.

Il PSG ha affrontato il Chelsea nei quarti di finale della scorsa stagione, con i londinesi in grado di ribaltare la sconfitta per 3-1 dell'andata con un 2-0 al ritorno a Stamford Bridge. Manchester City e Barcellona si ritrovano invece agli ottavi, nella stagione 2013/14 i catalani vinsero 2-0 a Manchester e 2-1 in casa al Camp Nou. Sempre l'anno scorso e negli otavi, il Real Madrid di Carlo Abcelotti ha demolito lo Schalke vincendo 6-1 a Gelsenkirchen e 3-1 in Spagna, con Cristiano Ronaldo autore di quattro gol in quel doppio confronto. Difficile che i tedeschi di Di Matteo quest'anno possano prendersi la rivincita.

Sfida inedita è invece quella che attende il Bayern Monaco di Pep Guardiola che non ha mai affrontato nella sua storia gli ucraini dello Shakhtar Donetsk allenato da Mircea Lucescu. Atlético Madrid e Bayer Leverkusen hanno invece pareggiato due volte 1-1 nella fase a gruppi dell'edizione 2010/11 dell'Europa League, sfida inedita a livello di Champions. Così come non si sono mai incontrate prima Arsenal e Monaco. Amarcord però per Arsène Wenger, che è stato il tecnico dei monegaschi tra dal 1987 al 1994 vincendo una Ligue 1 (1988) e una Coppa di Francia (1991). Infine sfida del tutto inedita è anche quella tra gli svizzeri del Basilea e i portoghesi del Porto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata