Champions League, il PSG di Ancelotti all'esame Barcellona

Parigi (Francia), 1 apr. (LaPresse/AP) - Il Paris Saint-Germain avrà un'idea più chiara delle sue reali ambizioni di entrare a far parte dell'elite del calcio europeo dopo il confronto nei quarti di Champions League contro il Barcellona. Il club francese allenato da Carlo Ancelotti è stato l'autentico dominatore dell'ultimo mercato con l'arrivo di fuoriclasse del calibro di Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva dal Milan e della giovane stella brasiliana Lucas Moura a Gennaio. Inserito in un girone tutto sommato alla portata, il PSG non ha ancora affrontato una squadra del calibro dei quattro volte campioni de'Europa del Barcellona. In caso di vittoria contro il Barça, però, il PSG dimostrerebbe definitivamente di poter competere contro i migliori club in Europa. Ma per fare ciò, la squadra di Ancelotti deve prima di tutto trovare un modo per tenere tranquillo Lionel Messi. Il fuoriclasse argentino ha già messo a segno 56 gol in questa stagione, quasi il doppio di quelli realizzati da un pur straordinario Ibrahimovic.

"Come si fa a batterli? Bella domanda", ha detto lo svedese che ha segnato 29 gol tra tutte le competizioni. "Dobbiamo concentrarci sul nostro modo di giocare e l'allenatore scegliere la tattica giusta per questo match contro, senza dubbio, la migliore squadra del mondo", ha aggiunto l'ex milanista. Ibrahimovic ha avuto una breve e infelice parentesi al Barça tre stagioni fa e può offrire ad Ancelotti qualche indicazione su come fermare i catalani, lo stesso di può dire dell' esperto David Beckham che ha affrontato più volte Messi e compagni con Real Madrid e Manchester United. "Si è visto nell'ultimo turno con il Milan che ha vinto la prima partita 2-0 e tutti parlavano di una fine dell'era Barcellona. Ma chi li conosce bene sapeva che non è così. Perché non sono solo dei talenti straordinari - spiega il centrocampista inglese -, ma anche una grande squadra. È per questo che hanno ottenuto tutti questi successi". Mentre il PSG si affida pesantemente al suo totem Ibrahimovic, la ben oliata macchina del Barça può contare su centrocampisti come Xavi Hernandez e Andres Iniesta che controllano il gioco sempre in modo brillante. L'imponente centravanti svedese avrebbe inizialmente dovuto saltare la partita di martedì dopo i due turni di squalifica rimediati per l'espulsione nell'andata contro il Valencia. Per fortuna del PSG e di Ancelotti, però, l'Uefa ha ridotto la sanzione e Ibra sarà regolarmente in campo contro il Barça domani sera. "Sono molto felice di poter giocare", ha detto Ibrahimovic. "E' giusto così. Non credo meritavo due turni di squalifica", ha aggiunto lo svedese.

Ibrahimovic ha già segnato 25 gol in campionato e gliene mancano quattro per battere il suo record di segnature in una sola stagione. Sono statistiche impressionanti, ma impallidiscono di fronte a quelle di Messi. Il quattro volte Pallone d'Oro ha realizzato sabato il suo 43° gol nella Liga nel pareggio per 2-2 contro il Celta Vigo. Messi ha battuto due primati in una volta sola: ha segnato almeno una volta contro tutte le squadre del campionato e soprattutto è andato in gol per la 19/a partita consecutiva. "Siamo pronti per Parigi. Sarà una partita difficile, ma ho un buon feeling", ha detto Messi. Con il PSG alle porte, il Barcellona ha fatto riposare diversi titolari in campionato, dando spazio al 21enne Martin Montoya e al 22enne Marc Bartra in difesa. Il Barça ha avuto una spinta emotiva importante dal ritorno in squadra dell'esterno sinistro Eric Abidal e dell' allenatore Tito Vilanova. Entrambi si recheranno a Parigi con la squadra. "Siamo molto felici di avere Eric di nuovo con noi", ha detto ancora Messi. "Tito sembra molto motivato, ed è importante che sia con noi per questo finale di stagione", ha aggiunto l'attaccante blaugrana.

I catalani dovranno fare a meno del capitano Carles Puyol per infortunio, ma potranno contare su un Victor Valdes in grande forma dopo l'ottima prestazione con la Spagna nella vittoria per 1-0 proprio contro la Francia. Anche Xavi e il terzino sinistro Jordi Alba hanno recuperato e saranno regolarmente a disposizione. Ancelotti schiererà di nuovo tra i titolari Ezequiel Lavezzi, l'unico dei big tenuto a riposo contro il Montpellier venerdì. Il brasiliano Lucas ha invece recuperato da un infortunio alla caviglia ed è a disposizione del tecnico. L'unico dubbio di Ancelotti riguarda il centrocampista Thiago Motta. L'ex interista ha fallito l'ultimo provino e questo fa aumentare le probabilità che Beckham possa giocare come titolare.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata