Champions League, Guardiola: Segnare 2-3 gol al Real non è facile, ma ci proveremo

Madrid (Spagna), 28 apr. (LaPresse) - "Ho letto che il Madrid sarebbe già in finale di Champions League. E' vero che siamo sotto 1-0, ma ci proveremo". Così Pep Guardiola lancia il sio guanto di sfida al Real Madrid in vista del ritorno delle semifinali di Champions League con il suo Bayern Monaco. "Ho letto questa settimana non solo che sono già in finale di Champions League, ma che hanno già vinto. E' quello che ho letto a Madrid e ho ascoltato. Ma noi non ci stiamo. Segnare 2 o 3 gol al Real non è un'impresa semplice, ma ci proveremo con tutte le nostre forze", ha aggiunto l'ex allenatore del Barcellona in conferenza stampa.

Su che atteggiamento si aspetta dagli avversari, Guardiola replica: "Per la mentalità del loro allenatore non credo che giocheranno 90 minuti in difesa. Capisco che per andare a Lisbone dovremo fare più di un gol, ma possiamo anche aspettare un po' per mettermi in difficoltà in contropiede visto che abbiamo giocatori veloci". Fondamentale sarà il clima che il Real troverà all'Allianz Arena, il tecnico del Bayern conferma: "Abbiamo bisogno dei nostri tifosi, non c'è bisogno che dica cosa devono fare, lo sanno. Il Madrid ha avuto un sostegno fantastico dai suoi tifosi all'andata, e so che così sarà anche per noi. Ci aiuteranno molto ma non possono segnare gol, a quello dovranno pensarci i giocatori".

Quindi Guardiola ha indicato una qualità che servirà ai suoi giocatori: "Dobbiamo giocare con il cuore, metterci più passione fino alla fine". Intine il tecnico spagnolo torna sulla polemica con Beckenbauer sulla sua filosofia di gioco: "Mi piace avere la palla per avere più possibilità di segnare. Non mi piacciono le statistiche, ma a Madrid abbiamo tirato più angoli, tirato di più, abbiamo avuto di più la palla. Ma il risultato non ci ha dato ragione. È vero che dobbiamo essere più efficaci".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata