Champions, Allegri: Milan obbligato a fare 4 punti per qualificazione

Bruxelles (Belgio), 20 nov. (LaPresse) - "E' una partita importante e abbiamo l'obbligo di fare i quattro punti che ci garantirebbero la qualificazione". Parole dell'allenatore del Milan Massimiliano Allegri, che così presenta la sfida di Champions League di domani sera in casa dell'Anderlecht, squadra che viene descritta "in un buon momento". "La gara - queste le parole dell'allenatore, riportate dal sito del club - sarà difficile. La partita di Napoli fa storia a sé, domani è una gara di Champions League. Come squadra abbiamo fatto pochi errori a Napoli, ne abbiamo fatti individuali, ma ci stanno. Adesso dobbiamo pensare a far bene nella gara difficile di domani".

"Mi piacerebbe non solo fare rimonte - continua Allegri - ma ogni tanto anche andare in vantaggio. Perché andando sempre sotto, le rimonte non sempre riescono". A proposito della formazione che scenderà in campo contro i belgi, il mister rossonero chiarisce: "Boateng domani non avrà un ruolo particolare. Robinho a Napoli ha dato una palla da campione e un altra l'ha sbagliata. Domani potrebbe essere la partita di Pato, ma devo ancora decidere". "Abbiati? Non ha nessun problema, si sono parlati e chiariti; ha fatto un errore esattamente come posso farli io", ha spiegato Allegri in merito allo 'sfogo' di Galliani contro il portiere ripreso dalle telecamere. "Il girone di Champions - aggiunge - è equilibrato, mentre in campionato, anche se non siamo stati brillanti, potevano con più attenzione avere qualche punto in più". Allegri torna poi a parlare della visita di Berlusconi a Milanello: "I consigli del presidente - dice - contano sempre. La visita che ci ha fatto venerdì è stata importante per la squadra. Parlare con lui di calcio è sempre un piacere. Domani giocheremo sapendo già il risultato dello Zenit, però la qualificazione sarà aperta fino alla fine".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata