Calcioscomesse, moglie Carobbio: Ha sbagliato ma non è un infame

Torino, 5 giu. (LaPresse) - "Filippo ha sbagliato, non voglio difenderlo a tutti i costi, ma so che ha fatto, almeno ora, la scelta giusta: collaborare. E invece passa per un 'infame'. Io sono orgogliosa di lui". A parlare è la moglie di Filippo Carobbio, Elena Ghilardi, in un'intervista pubblicata sulla versione on line del settimanale 'Oggi'. La donna difende il marito, ex calciatore di Bari, Siena e Spezia coinvolto nello scandalo scommesse: "So che non sono credibile, con quel che è successo, però - evidenzia la Ghilardi - Filippo è sempre stato semplice, fin troppo umile, attaccato alle cose vere della vita. Le sue cavolate, non le ha fatte per soldi... ma per ingenuità, perché è stato influenzato da gente con la personalità più forte".

"Adesso passa per il grande accusatore di Conte e per la rovina del calcio, ma lui - così la moglie di Carobbio in merito alle accuse rivolte dal marito al tecnico della Juventus - ha solo descritto un sistema. In un interrogatorio di tre mesi fa, si è vuotato la coscienza, ha parlato per ore e ha detto, per fare un esempio, che anche Conte sapeva di una partita aggiustata".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata