Calciopoli, Cassazione: prescrizione per Moggi e Giraudo. Avv. Prioreschi: Siamo perplessi

Roma, 23 mar. (LaPresse) - "Questo è un processo partito con 41 tra arbitri e assistenti indagati. Sono rimasti in due condannati. La montagna ha partorito il topolino". Così l'avvocato di Luciano Moggi Maurilio Prioreschi ha commentato a LaPresse la sentenza di questa notte della terza sezione penale della Cassazione sul processo Calciopoli che ha confermato la prescrizione nei confronti dell'ex direttore generale della Juventus, imputato per associazione a delinquere, e dell'ex amministratore delegato del club bianconero Antonio Giraudo, imputato per associazione a delinquere e frode sportiva. Moggi, come confermato da Prioreschi "è stato assolto da alcuni episodi di frode sportiva - ha sottolineato - Ma è l'associazione a delinquere che lascia perplessi, sono rimasti coinvolti solo due arbitri e tre partite". Sono state così accolte le richieste del procuratore generale Gabriele Mazzotta. La sentenza è arrivata al termine di una camera di consiglio durata oltre sei ore. L'ex arbitro Massimo De Santis è stato condannato ad un anno (pena sospesa) mentre Paolo Bertini e Antonio Dattilo sono stati assolti. Prescrizione anche per l'ex presidente della Figc Innocenzo Mazzini e per il designatore Pierluigi Pairetto. La Cassazione infine ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura di Napoli contro le assoluzioni degli arbitri Paolo Dondarini, Gianluca Rocchi e Tiziano Pieri e dell'ex presidente Aia Tullio Lanese.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata